Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 6
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0012
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0012
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
6

pubblici di questa nostra Città, e Sobborghi •
oltre quelle dei non pochi dipinti pezzi disper-
si , e pervenuti in altrui potere, per le seguite,
non ha molto, soppressioni di Chiese , Con-
venti , Oratori, ed altri Luoghi $ e ciò a sine
di mantenere conservata presso de’ Posteri la
loro rimembranza ; la nota de* quali sarà in
sine dimessa in un colla indicazione d* altri
pezzi più rimarchevoli presso i Particolari di
questa nostra Città, cosicché ciascuno potrà
venire in cognizione non solo delle pubbliche
dipinture, ma eziandio delle meritevoli rac-
colte dei Privati.

Trattandosi poi <T un opera, che ha da
essere alle mani di qualunque classe eli per-
sone , mi sono attenuto ad uno stile piano ,
ed intelligibile , senza perdermi a dare giudi-
zio positivo, o dei Prosessori, o delle loro
opere con prolissi elogj, o con stitiche non
favorevoli riflessioni, giacché il più delle volte
la soverchia lode passa in una spiegata adu-
lazione , eia censura in vituperio della persona
lodata; Così m è sembrato il meglio di star-
mene in silenzio, lasciando il giudicarne del
merito a coloro, che con occhio disinteressate
avranno occasione, o come valenti Professori}
o come ben esperti Intelligenti, di ammirare
le opere dei nostri, e degli esteri trappassati
Anefici,

E perché non abbia a credersi, che io con
questa » quaV essere si voglia mia debole sati-
loading ...