Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 16
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0022
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0022
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
z6 Cattedrale

Passata Ja Porta della Pescheria d’ in-
contro all’ Altare del Santissimo Crocifisso vi
è quello di M. V. , quando fu annunziata
dall’ Arcangelo Gabriele, opera similmente
del suddetto Cavalier Malofso.

Da questa stessa banda d’ incontro all’
Altare della Visitazione vi ha il Quadro di
S. Benedetto Abate in abito Pontificale so-
stenuto sopra nuvole dagli Angioli in atto di
benedire la nostra Città, del Cavaliere Ange-
lo Borroni.

Presso di questo ne viene quello di S.
Antonio da Padova. Antonio Campi, non già
Vincenzo , come sta scritto nel Distinto Rap-
porto , vi espresse il Santo, con S.Raimondo,
ed un’ altra Figura , ed in bel scorcio un
Cristo morto, con sotto il nome, e 1’ anno.

Data un' occhiata al gran Mausoleo tut-
to di marmo a basso rilievo eretto in me-
moria di Francesco Sfondrato, a piedi del
quale in gran quadratura sostenuta da due
Cariattidi si legge 1’ elogio di questo insigne
Personaggio; si porta immediatamente nella
sfondata Cappella del SS. Sacramento, tutta
architettonicamente lavorata a stucchi, ed
oro, sul disegno, e direzione del Cremonese
Architetto Francesco Dattaro . Gio: Battista
Cambio detto il Bombarda ne fu 1’ esecutore.
Nel fondo di questa Cappella evvi un assai
maestoso, e ricco Altare di marmo soste*
loading ...