Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 17
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0023
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0023
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
Cattedrale

17

nuto da due Angelo-m di marmo di Carrara.
Dalla parte dell’ Epistola trovasi incastrato
nel muro un Quadro rappresentante la La-
vanda de’ piedi fatta dal Salvatore agli Apo-
stolici Bernardino Campì. Delio stesso è pure
il sovrapposto altro picciol Quadro col sagri-
fizio di Melchisedecco.

D’ incontro dalla parte del' Vangelo ve-
desi altro Quadro, sul quale Giulio Campi vi
ha espressa Y ultima Cena fatta cogli Apo-
stoli da Gesù Cristo, e sopra altro piccol Qua-
dro vi ha dipinto il miracolo della manna,
che viene raccolta dagli Ebrei nel deserto.

In altro si.mil Quadro vi è Y Apparizio-
ne del risorto Redentore in figura d‘ Orto-
lano alla vS. Penitente Maria Maddalena, del
Cavaliere Gio: Angelo Burroni. Ed al di sopra
in altro piccol Quadro la medesima Santa,
che unge i piedi del Salvatore nella casi
del Fariseo , di Bernardino Camni.

Del mentovato Cavalier Burroni è simil-
mente il Quadro d\ incontro con sopra il
risorto Signore seduto a tavola con i due
Discepoli, che andavano in Emaus in atto
di benedire il pane. Al di sopra in altro
piccol Quadro dei detto Giulio Campi vede-
si la risurrezione di Lazaro.

Nell’ annessa Sagristia ammirasi una pic-
cola quadrilunga Tavola di legno dipinta da
Alt oh elio Melone con sopra G. C. risorto, ac-

b
loading ...