Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 19
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0025
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0025
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
Cattedrale

*9

serate sono parimenti del Medesimo.

Meritano qualche osservazione gli Stalli
del Coro per essere questi d’ un lavoro ad
intarsio antico, qual lavoro fu eseguito l’an-
no 1489. , come leggesi nella iscrizione inci-
sa sulla spalla destra de’ medesimi dalla par-
te de 11’ Epistola .

Sortendo dalla Piazzetta detta Senato-
ria, e volgendo similmente alla destra, tro-
vasi altra sfondata Cappella, lavorata tutta sul
gusto di quella del SSmo Sacramento dagli
stessi Artesici, dedicata alla B. V. del Popo-
lo, con due Altari Y uno sopra 1’ altro, su
1’ ultimo de’ quali in nicchia di marmo
vedesi la Statua della VergineAl di fuori
di tutta la grandiosa Ancona di varj marmi,
ornata con varie figure d’ Angioli, veggonsi
eziandio lateralmente poste le due ben fini-
te Statue di Ester, e di Giuditta scolpite
vagamente in marmo di Carrara da Antonio
Cakgari Bresciano.

Entro la stessa Cappella dalla banda deli*
Epistola presso Y Altare vedesi espresso in
Quadro N. S. battezzato da S. Gio: Barusfa
nel Giordano ; al di sopra del quale vi è
altro piccol Quadro rappresentante la nascita
del S. Precursore, ambidue di Giulio Campi.

Dirimpetto dalla banda del Vangelo si-
mil Quadro rappresentante la Decollazione
del Santo con Ercdiade ed altre Figure dello
loading ...