Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 43
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0049
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0049
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
43

Palazzo pubblico della Città

TEMPORE DNI IACOBI
DE BERNARDO BONO
NIENSIS CIVIS POTESTATIS
CREMONAE

HOC OPVS FACTVM EST
ANNO DNI MCCVI.

li rimanente poscia fu edificato nel 1245.,
a detta anche del Campi , come da altra Me-
moria in lapida sopra il muro interiore del
portico a sinistra , che dice

MCCXLV. INDICTIONE III.

TEMPORE D. FEDERICI
ROM. IMP. SECVNDI
D. ROLANDVS DE CASTILLIONE

HOC OPVS FECIT FIERI .

Per quanto viene riferito da Giacopo
Gadio nella di lui MS. Cronaca, le dette
due Porte furono poste in opera tali, e qua-
li ora si veggono in occasione, che il Papa,
e F Imperatore portaronsi a Cremona F anno
1245. per andare contro i Milanesi, Ecco le
sue parole pag. mihi 44.

1245. Hoc anno Porta <enece faditi sue-
runt per Cremonenses ad Palatium Maius Cre-
mona , ubi etìam nunc sunt, propter accessum
SS mi D. Papa,, & Serenìssimi Imperatoris ad
ipsam Civitatem, causa e lindi ^ prò ut iverunt
contea Mediolanenses.
loading ...