Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 48
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0054
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0054
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
S. Domenico

48

Nella volta fuori della detta Cappella
Angelo Massarotti non solo vi ha dipinto a
sresco di sotto in su il Corpo esangue della
Santa portato sulle braccia da alcuni Àngio-
li, con un altro, che tiene tra le mani il
tronco capo; ma ancora alcuni simboli di
virtù a chiaro oscuro, e negli angoli quattro
gran termini d’ uomini ignudi, che sostengo-
no la volta, fìnti di stucco, e di più le pi-
lastrate di fuori.

Segue la Cappella con Altare dedicato
a S. Croce, o sia a S. Pietro Martire. La
tela, che sopra la nicchia, in cui sta riposto
il Santo in vita, rappresenta un Crocisìsso,
con a piedi il Santo Martire, dipintura del
suddetto Cavalier Malosso.

Tutti gli altri Quadri lateralmente in
questa Cappella disposti rappresentanti varj
prodigj del Santo operati, sono di Uberto La
Longe detto il Fiammingo. L’ Autore del Di-
stìnto Rapporto non ne ha di questi fatta ve-
runa menzione.

Da questa passando nell’ altra contigua
Cappella dedicata alla B. V. del Rosario, or-
nata di un sontuoso Altare tutto di varj mar-
mi fini, e di soda architettura, evvi in nic-
chia nel mezzo riposta la Statua della B. V.,
ed in due altre laterali nicchie le Statue di
marmo di carrara di S. Domenico, e di San-
ta Cattarina da Siena.
loading ...