Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 58
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0064
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0064
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
S. Domenico



desimo Artefice.

Così pure il Quadro del prossimo Altare
con sopra S. Giacinto, che richiama da mor-
te a vita il figlio d* una Matrona alla vista
di numeroso popolo, del più volte nominato
Cavalier Malosso.

Di Cristosoro Augusta da Casalmaggiore è
T altro Quadro d’ Altare contiguo con sopra
lo Sposalizio di S. Cattarina col Salvatore,
che le mette 1* anello in dito.

Spicca nell’ ultimo Altare il Quadro rap-
presentante la B. V. in piedi assunta al cie-
lo da due Angioli, di Bernardino Campi.

Sopra la porta maggiore in tutto il largo
spazio di muro della Navata di mezzo spic-
ca in Quadro a olio esprimente S. Domenico,
con quantità di figure , allorché sulla Piazza
di Roma ridonò la vita al nipote del Cardi-
nale Fossanuova caduto morto da cavallo ,
con una bellissima veduta di grandi Edifizj.
Opera di Giuseppe Pansilo .

Ne’ due lati della detta porta Panfilo
Nuvolone vi ha dipinto in tela due Quadri,
uno rappresenta il B. Moneta, 1* altro il B.
Rolando in piedi ambidue nostri Cremonesi
Domenicani, figure grandi, e di una singo-
lare attitudine, e sveltezza.

Merita osservazione il Quadro sopra 1* Al-
tare posto nell’ Oratorio della soppressa Con-
fraternita dei Crocesignati situato nel chio-
loading ...