Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 64
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0070
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0070
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
64 Ss-. Marcellino e Pietro

iasione di Maria Vergine al Tempio.

La Cappella dedicata a S. Ignazio vi ha
un Quadro sopra 1’ Altare rappresentante il
P. Eterno, ed il Divin Figlio con la Croce
in spalla apparsi al Santo ivi in atto sup-
plichevole, di Angelo Massarotti.

Passata la porta piccola vedesi altra Cap-
pella con Altare, e Quadro, su di cui vi è
dipinta la Vergine, S. Luigi, e S. Stanislao
Costka d’ una maniera tutta nuova, per cui
viene creduto per una delle migliori opere di
Carlo Maratta, sendo del Massarotti. Il perchè
dall’ autore del Distinto Rapporto non sia stata
riferito, non si è finora potuto rilevare.

Dirimpetto a questa Cappella prima dell’
abolizione Gesuitica, eravi la Cappella con
Altare, e sopra un Quadro esprimente S.
Lodovico Re di Francia, che fa dispensare
a molti poveri 1* elemosina, opera ben ese-
guita da Giacopo Borbone, non Saverio, come
nel Rapporto Panni , col nome sotto Jacob.
Borbon Nov. Rom. Questo Quadro è ora in
potere del Sig. Conte D. Carlo di Lerchenfeld,
Ciamberlano di S. M. I., e Colonnello eme-
rito, gran Raccoglitore di pitture, e assai In-
telligente. In luogo poi dell’enunciato Qua-
dro vi è stato riposto quello di S. Francesco
Saverio in atto di predicare, ignorandosene
F autore.

Sotto il palco dell’ organo eravi un Qua-
loading ...