Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 74
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0080
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0080
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
74

S. Margarita

meli , ed in particolare una Figura, che paria
ad un* altra, che sembra s’ odano le parole.

Dalla banda del Vangelo in altro spazio
di muro, dirimpetto al già descritto vedesi
in bel paese quantità di Pastori, e fra gli
altri avvene uno, che seduto tiene fermo
con la mano un cane.

Portandosi fuori del Presbiterio presen-
tasi altra Cappella, in cui vi è espressa l’en-
trata del Redentore in Gerusalemme se-
duto sopra la giumenta con gran concorso
di popolo, parte con palme in mano, che
fa applauso al festevole ingresso.

Contigua a questa vedesi il quatri-
duano Lazaro ravvolto in un lenzuolo, che
al comando di Cristo esce dal sepolcro
scavato in un monte, presenti le due So-
relle, una genussessa in atto supplichevole,
Y altra ritta in piedi colle mani giunte. Al-
le spalle del Redentore vedesi un* altra Fem-
mina col moccichino al naso, mostrando
ischifezza del puzzolente odore tramandato
dal fetido Cadavere, oltre molt’ altre ben
disposte Figure .

Nella sesta, ed ultima Cappella presso
la por a compare espresso il miracolo opera-
to dal Redentore nella guarigione del Gio-
v netto Lunatico indemoniato, che seguì to-
so dopo la di lui gloriosa Trasfigurazione.
Questa per appunto rappresenta il Verbo In-
loading ...