Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 75
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0081
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0081
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
S. Margarita j 5

carnato -sulla cima del Taborre trasfigurato
in gloria, con a canto i due Profeti Mosè ,
ed Elia, ed a piedi i tre Apostoli Pietro,
Giacomo, e Giovanni sbalorditi dallo splen-
dore e prostesi sul suolo. Al basso poi della
montagna evvi una quantità di popolo, con
in mezzo ad esso il Salvatore in atto di be-
nedire, e risanare il Giovinetto postogli din-
nanzi sostenuto da un uomo, ed una donna
supplichevole, forse i Genitori del travaglia-
to garzone.

Chi volesse in seguito minutamente de-
scrivere tutti gli altri Sacri storiati, de' qua-
li ne va tutta ornata non solo la volta, ma
eziandio qualunque altra più piccola parte
di questo splendidissimo Tempio, troppo dif-
fìcile impresa sarebbe nel volerne esprimere
il giusto pregio di ciascheduna ; perciò si
lascierà allo sguardo intelligente il contem-
plarli a bell’ agio, tutta volta che degneras-
si di portarsi colà ad ammirarli.

Ss. DONNINO E CARLO

\s uesta Chiesa prima Parrocchiale, ora sus-

sidiaria de' Ss. Egidio ed Omobono, eb-
be la sua origine e fondazione fino dall’ an-
no 1032. secondo la memoria, che ci viene
somministrata da Giuseppe Bresciani nella
loading ...