Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 84
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0090
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0090
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
8 4 «S. L&stf

Dal Merula poi nel Santuario pag. 276,
si vuole, che dalla sua origine sino all* an-
no 1552. fosse governata da Preti secolari,
e che Clemente Settimo Sommo Pontefice
poscia ne investisce certi Frati Amadei dell'
osservanza di S, Francesco, ed a questi che
sottentrassero i PP. Minori Osservanti di S.
Francesco 1* anno 1567., a quali furono
uniti i PP. Amadei da Pio Quinto Som-
mo Pontefice, sendo poscia stati traslocati i
detti PP. Minori Osservanti nel Convento
di S. Angelo pochi anni sono , fu questa
Chiesa Parrocchiale governata da un Prete
secolare col titolo di Vicario, siccome il ti-
tolo di Parroco compete vasi al Vescovo del-
la Città. La buona memoria di Monsignor
Ignazio Maria Fraganeschi ne conserì il ti-
tolo di Parroco ad altro Prete secolare, che
presentemente la governa; ha questa il vesti-
bolo sostenuto da due colonne sopra il dorso
di due Leoni di marmo. L* esteriore facciata
è tutta sull’ ordine Coreico, è però interior-
mente divisa in tre Navi. Appena dentro la
porta grande a mano destra si vede sull' Al-
tare un Quadro, con sopra dipintovi la B.
V. col Bambino Gesù in alto, S. Gio: Battista
ancor fanciullo seduto su d* un sasso con
1’ Agnello rampante sulle di lui ginocchia,
un Ritratto in atto supplichevole, e S.Anto-
nio Abbate . Ella è opera o di Bernardino
loading ...