Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 88
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0094
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0094
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
88

S Luca

atto di ammirazione rivoltosi sta contem-
plando la Concezione di M. V., apparsagli
in tempo appunto che di essa scrìveva. Que-
sti due Quadri sono di Francesco Baccaccino.

Due altri più piccioli vicini alli soprade-
scrìtti, uno per banda, attraggono io sguar-
do , quello cioè dalla parte dell’ Epistola
rappresenta la Beata Vergine col Bambino ,
che le dorme in grembo, la Maddalena, ed
il risuscitato Lazaro ; 1* altro dirimpetto, che
esprime la stessa Vergine col Bambino ritto
in piedi sulle di lei ginocchia, e S. Claudio
Vescovo, che genussesso le viene presentato
da S. Giuseppe. Vaghe opere per vero dire
del sempre felice pennello del nostro Bernar-
dino Campi.

Contiguo alla detta Chiesa fuori appena
della porta grande vi è un’ altra piccol Chiesa
a foggia di rotonda, scompartita in otto an-
goli comunemente detta T Oratorio del Cristo
Risorgente. All* Altare dirimpetto alla porta
grande vedesi dipinto il Salvatore gloriosa-
mente risorto.

Nella prima delle quattro faccie a mano
destra dell’ entrata vi è un Quadro grande
in piedi, con sopra espresso Gesù Cristo pen-
dente in Croce, con a piedi la B. V. svenuta
in braccio alle Marie, S. Gio: Evangelista, il
Longino a cavallo, con molte altre figure.

Dirimpitto a quello nell’ altra facciata
loading ...