Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 99
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0105
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0105
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
99

S. Aiata

scuoia dei Campi non menzionato nel Rap-
porto Ranni.

A questo segue V altro Altare con so-
pra S. Giorgio a cavallo, che uccide il ser-
pente, ed una Figura in piedi di bella Fem-
mina in atto di ammirazione, opera di Giulio
Campi assai buona, e piuttosto ben conser-
vata , che che dicasi nel Distinto Rapporto in
contrario.

Portandosi finalmente all’ Aitar maggiore
in fondo al Coro entro una grande Ancona

O

di legno sordorato vedesi il Quadro, che
rappresenta S. Agata, che viene condannata
dal tiranno al martirio, con molte altre fi-
gure, e sotto il nome, e 1* anno Gemasius
Gatt us di ci us Soliarius F. 16c8.

Nel Presbiterio sonovi lateralmente di-
pinti in quattro scomparti altrettanti fatti
storici della vita, e della morte della Santa.
Ne’ due a mano sinistra dalla banda del Van-
gelo vi è espresso nel primo il martirio del-
la Santa alla vista di numeroso popolo, nel
secondo la stessa Santa posta in carcere.

Negli altri due dalla banda dell5 Episto-
la in un dipartimento la Santa morta, e
nell’ altro la medesima , che sta genuflessa
colle mani giunte sopra di una catasta di
legne, sotto delle quali vi sta un Manigoldo
a stuzzicarvi il fuoco, oltre molte Figure a
.pian terreno, ed altre sopra d5 un alto pog-
loading ...