Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 107
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0113
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0113
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
Ss. Giacomo in Ere da ed Agostino 107

re, ma però di buon disegno, ed espressiva
negli atteggiamenti adattati a tutte le figu-
re, che non sono poche.

Nel fondo di questa Nave, in cui è posto
F Altare del SS. Sacramento, al di sopra di
esso vedesi un Quadro, che rappresenta S.
Tommaso da Villa Nuova in abito Pontifi-
cale, che sta dispensando la limosina a po-
verelli , opera che dà nel grande, benché di
mezze figure, e di buon impasto, d’incerto.

Traversando la Nave di mezzo si passa
in quella dalla banda del Vangelo dell’ Ai-
tar maggiore, e dietro il palco dell’ Organo
vi è eretto sull’ Altare il Quadro con di-
pintovi sopra S. Cattarina, ed altri Santi e
Sante d’ una maniera assai graziosa, e vaga,
del Mainardi detto il Chiavegbino non mar-
cato nel Distinto Rapporto.

Passato P Altare della B. V. del buon
Consiglio ivi vicino vi è P Altare rappre-
sentante il Presepio con molti Pastori e Pa-
storelle in atto di adorare il neonato Salva-
tore, opera espressiva di Gerovafio Gatti detto
il Sojaro.

Di buon pennello egli è pure il se-
guente Quadro, che vedesi all* Altare de’ Ss.
Crisanto, e Daria, su di cui si veggono S.
Crisanto prosteso a terra morto, e S. Daria
in ginocchio lapidata dai Manigoldi, opera
d’ incerto ben espressa, non però ricordata
loading ...