Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 109
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0115
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0115
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
Ss. Giacomo in Breda ed Agostino 109

tavola di legno rappresenta la B. V. seduta
sopra una sedia col Bambino sulle ginocchia,
da una banda S. Paolo in piedi , e dall’ al-
tra S. Antonio, opera singolare, sebbene an-
tica, del famoso Pietro Vannucci detto il Pe-
rugino del 1494.

L’ Altare ^ che rappresenta in Quadro
la B. V. Annunziata dall’ Arcangelo Gabri-
ello in atteggiamento àssai grandioso, e di una
grazia singolare, del nostro Antonio Campi.

L’ ultimo Altare vicino alla porta pic-
cola in Quadro Gio: Battista Trotti detto ii
Malosso vi ha espresso S. Antonio Abate ste-
so sul suolo in atto di chiedere a Dio soc-
corso nelle sue tentazioni, figurate in varie
forme di lusinghevoli Femmine, veggendosi
dall’ alto in un maraviglioso scorcio calare il
Redentore a soccorrerlo, e mettere in fuga
i Demonj, nell’ orlo del campanello gittato
a terra vi sta scritto Maiossus.

Sopra la porta maggiore spicca un gran
Quadro dipinto a olio rappresentante S. Ago-
stino, che seduto in cattedra tiene fra le
mani la tavola delle sue regole, con molte
figure al basso d’ uomini, e donne vestiti
con diversi abiti religiosi, rappresentanti i
varj Ordini, che militano sotto la sua regola.
Tutte queste" figure sono ritratte dal natu-
rale . Ella è opera di grande impegno, ma
però stata ben condotta da Angelo Massarotti.
loading ...