Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 120
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0126
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0126
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
120

S. Vittore

spada fitta nel petto . S. Gio: Evangelista
all’ indietro, ed uno scherzo di varj putti.
Opera di Antonio Campi, il di cui nome ed
anno leggesi nel piedestallo d’ una colonna,
dove posa il piede S. Vittore.

Passando nella Sagrisela appeso al muro
vi è una Tavola di legno, su la quale vi è
dipinto S. Cristoforo, che regge sopra lé spal-
le Gesù Bambino nel passaggio del siume.
Opera di Galea^o Campi. Siccome pure due
altri Ovati sul legno dello stesso Autore,
F uno con sopra la B. V. Annunziata, F al-
tro FArcangelo Gabriello, con F anno 1516.

Ss. GIUSEPPE, E TERESA

C

V_>lhiesa di Monache, altre volte Scalze
state soppresse il giorno 25. Giugno 1782.,
ora sacro Ritiro di altre soppresse Monache,
e di Giovane ivi educate. Questo Monastero
ebbe la sua origine, secondo riferisce il Me-
nila nel suo Santuario pag. 83., Fanno 1613.
siili tre d’ Aprile.

Ali' Aitar maggiore trovasi un Quadro,
con sopra dipintavi la B. V. seduta in tro-
no con il Bambino Gesù sulle ginocchia, S.
Giuseppe a mano destra, e Santa Teresa a
sinistra, ed alcuni Cherubini in aria, di An-
gelo Mas sarotti.
loading ...