Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 136
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0142
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0142
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
136 S. Lorenzo

non ve ne seno rimasti che otto soli com-
preso il maggiore.

Entrando dunque in essa dalla porta
maggiore a mano destra della piccola Nave,
scorgesi 1* Altare con Quadro, su di cui vi
è dipinto S. Tommaso in atto di toccare il
Costato del risorto Salvatore, con gli Apo-
stoli. Bernardino Campi si vuole Y Autore di
questa ben eseguita dipintura ; nel Distinto
Rapporto non è stata considerata.

Dietro a questo ne succede altro Altare
con Quadro, sopra dipintovi S. Biagio, S.
Bernardo, S. Girolamo, una Monaca, ed il
Ritratto del Benefattore Girolamo della Kob.
Famìglia Mariani . 1/ Artefice è il Cavalier
Malosso, che lo perfezionò nel 1606.

A questo segue 1* altro Altare con Qua-
dro, in cui viene rappresentato S. Bernardo
Olivetano , la B. V. in alto col Bambino
Gesù, e due Monaci al di sotto genuflessi,
opera dell’ eccellente pennello di Giuseppe
Panfilo.

La Pala dell* Aitar maggiore rappresen-
ta S. Lorenzo steso sulla graticola per esse-
re abbrostolato presente il Tiranno, e due
Manigoldi , con altre Figure, dicesi di Ber-
nardino Campi.

Dalla banda del Vangelo nella laterale
altra piccola Nave 1’ Altare con Quadro di-
mostra il martirio del Protomartire S. Ste*
loading ...