Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 165
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0171
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0171
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
Di contro , 1* Altare della Decollazione
di S. Gio: Battista merita qualche attenzione
per essere stata eseguita da Giacomo Gtierrini
in età giovanile . Rappresenta in essa il Santo
nella oscura carcere con il Manigoldo, Ero-
diade, ed altre figure allumate da una fiac-
cola tenuta in mano da un Soldato.

La volta del Coro sin sopra la Cornice
coi due archi, che stan sopra le due Cap-
pelle laterali, è opera architettonica di Giu-
seppe Piatali. Le Figure sono di Francesco Bac-
caccino. La Cupola in mezzo alla Chiesa è
tutta a fresco dipinta dal suddetto Francesco
Monti . I quattro Pennacchi sotto la detta
Cupola esprimenti i quattro Evangelisti sono
di Angelo Massarotti.

Il Presbiterio dal Cornicione in giù è
dipintura di Gio: Battista I^aist, siccome pure
del medesimo è il disegno della nicchia, in
cui sta riposta la B. V. col Crocifisso; oggi
in vece vi si è riposta la B. V. di Loreto,
che era nella Chiesa soppressa di S. Croce.

Sopra la porta vedesi altr’ opera a fre-
sco del suddetto Monti.

L* Oratorio annesso, in cui seppellivansi
i Condannati dalla Giustizia, è tutto dipinto
a fresco dal ridetto Gio: Battista Z,aist.

Fine delle Pitture
£ si stenti nelle Chiese della Città.
loading ...