Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 172
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0178
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0178
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
172. S. Sigismondo

mina in una gran nicchia. In dodici Cap-
pelle viene compartita, sei per parte. Nella
prima entrando a mano destra evvi 1* Altare
con Quadro rappresentante S. Filippo Neri,
di Uberto Lalonge detto il Fiammingo, che
dipinse eziandio a fresco tutta la Cappella.
Non è nel Distinto Rapporto.

A questa segue la Cappella con Altare,
e Quadro dipìntovi sopra S. Ignazio Lojola
in abito ancor secolare genuflesso innanzi alla
Vergine in atto supplichevole, opera di una
bella espressione del nostro Mussar otti, che
pure dipinse i laterali della medesima Cap-
pella, rappresentandovi fatti del Santo.

La terza Cappella con Altare contiene
il Quadro con sopra espressa S. Teresa ge-
nuflessa ferita da un Angelo, e da un altro
sostenuta per lo sfinimento venutole, opera
del suddetto Lalonge. Questi pure dipinse
tutta la Cappella d’ architettura, e i due
istoriati laterali.

Nella quarta su questo Altare in picco-
la Pala di legno si scorge in vago paese S.
Giacopo Apostolo seduto sopra d’ un sasso,
con S. Filippo in piedi, che tiene un libro
aperto in mano, Figure al naturale del noslro
Bernardino Campi . Nella volta oltre alcu-
ne femminette riposte in varj compartimen-
ti di stucco a oro di Gio: Battista Bombarda,
lo stesso Campi vi ha in quattro Quadretti
loading ...