Aglio, Giuseppe
Le pitture e le sculture della città di Cremona — Cremona, 1794 [Cicognara Nr. 4191]

Seite: 175
DOI Seite: 10.11588/diglit.26536#0181
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/aglio1794/0181
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
0.5
1 cm
facsimile
S. Sigismondo 17$

Nell' altro Gesù Cristo nel Giordano
col corteggio di molti Angioli battezzato da
S. Gio: Battista. Tutta la detta Cappella con
la volta , in cui sono dipinte quattro piccole
storie, oltre altri comparti di Carnei contor-
nati di stucco, arpìette, e fogliami, sono tut-
te opere del suddetto Artefice, che per dino-
tarle di sua mano, al di sotto del Quadro
laterale vi ha scritto Antonii Campi plastica y
& pi ci uve 158 r.

Non già di S. Francesco Romana, come
asserisce 1’ Autore del Distinto Rapporto, ma
bensì di S. Paola è il Quadro dell’ Altare
della nona Cappella dedicato alla stessa Santa,
di Carlo Natali i che vi dipinse anche nei lati
due fatti della Medesima, con altri nella voi*
ta, divisi in varj comparti.

Nella decima Cappella con Quadro so-
pra F Altare ammirasi S. Cecilia seduta in
atto di suonare s Organo, con S. Cattarina
in piedi di un gusto singolare, e da tutti
molto apprezzata, ella è opera del rinomato
Bernardino Campi da lui eseguita nel 1561.
Tutte le storiette allusive alla vita delle
dette due Sante in mezzo a comparti di
stucco sono pure del medesimo Artefice, che
sopra F Ancona vi espresse una bella gloria
di festeggiami Angioletti.

Il Cristo in Croce, con a-piedi la Mad-
dalena dipinti a olio in Quadro sopra V AF
loading ...