Agricola, Johann Friedrich  
Il Filosofo Convinto In Amore: Intermezzi Per Musica Da Rappresentarsi Per Comando Del Serenissimo Elettore Palatino — Mannheim, 1753 [VD18 14258099]

Seite: 7
DOI Seite: 10.11588/diglit.27041#0012
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/agricola1753/0012
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile

Primo. 7

Certe conversazion di vario sedo,

Quel sedendo dapprelìo,

Toccarli or con le mani , or con il piede»
E’Platonico amor? Pazzo chi il crede.
Chi consuma 1’ entrate in regaietti,

Chi maltratta la Moglie
Per cagion del genietto,

Chi piange, chi sospira,

Chi gclolo s’adira,

Chi con la vaga sua vive felice,

Quello è amor di Platon? Pazzo chi il dice.
Tutti, tutti i seguaci
Di sì bella morale

Dicon che è gran delitto il pensar male.
Vede una Madre vagheggiar la Figlia,
Non dice una parola»

Seguendo anch’ ella di Platon la scuola.

Li Maritati poi

Del volgo ignaro per sottrarsi all’onte
La scol? di Platon portano in fronte.

E' questa l'usanza
Che corre oggidì:

Lo spofo di. là,

La Jpofa di qui,

Non sò Je Platone saceva cosi.

(Lesbina torna in abito da
Uudcntc.)
loading ...