Agricola, Johann Friedrich  
Il Filosofo Convinto In Amore: Intermezzi Per Musica Da Rappresentarsi Per Comando Del Serenissimo Elettore Palatino — Mannheim, 1753 [VD18 14258099]

Seite: 21
DOI Seite: 10.11588/diglit.27041#0026
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/agricola1753/0026
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Secondo.

21

Lesb. Ma sé l’arbitrio mio
Contro la simpatia fosse uno scoglio,

E amar non vi volessi?

Anf. ( Quello saria un imbroglio. )

Cotanta crudeltade

Io non posso temer nel vostro core;

Diceste, che l’ amore

E ’ paslìon naturai dei nostri petti»

"Lesb. Non per tutti gli oggetti.

Anf E’ forsè il mio del vostro amore
indegno?

Lesi. ( Or mi convien usàr P arte, e
l’ingegno. )

Anf. Eccovi a vostri piedi
Un che amar non sàpea già reso
amante.

Lcsb. ( A onor del nostro Sedo
Un sapiente al mio piede è genussesso. )
Levatevi; non posso
Più vedervi languire:

Volita Moglie sarò, ma con un parto:

B 3 Che
loading ...