Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: II
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0002
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ALLO I'LLVST. ET

GENEROSO SIGNORE, IL Sic

GNOR CONTE BONIFATlO BE-

uilacqua,¥ietro LAuro i&odoncse.

ono già,ssdtimoltigs anchoraniso
no alcuni, lUusl.ey generoso Signor
mioj quali hanno dannato, e dannano
grauemente il tradurre i libri de lati-
ni saittori nel nojlro uolgare idioma;
e quelli masimamente,che contengono le dottrine eseien
tiedelc cose : non potendo tollerare, sé non con moU
io lor dìjpiaccre,che le Matematiche,lc Tilosojìe,le Reto
fiche s e le altre simili, ssano potute leggere da chi non
habbia dato, ò non dia opera à la Latina sauella ; pa-
rendo loro come un gran sacrilegio, che taliscicnticji
diuulghino, er manifestino, sì che da ogni persona
generalmente, per illiterata ch'ella fifìa, possano ejjt*
re intese: come sé ogni persona di necesitàsussc basìan*
te tdd intendere er dìuenirui dotta, subito che rimos*
A la dissicultà de la lingua, uenisse diramente di
intender le parole , con le quali sujsero descritte le
Cofc, ne per ciò gli bisognajsc altro lume, ne altro uà*
l°r d'intelletto, ne altri maejlri : e come sé i Greci non
hauejscro hauuto le dottrine in quella lingua, che già,
cra natia, e communemente intesa da tutti di quella
Catione, e come sé tutti coloro, chesapcjscro la Gre»
c« 5 e la Latina lingua, fujsero atti à penetrare i sai*

* i timenti
loading ...