Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 17a
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0055
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DB L A R C H I T E T T V R A

»7 primo muro di quelle è pm fermo esecco. QueUe ed*
pelle a l'altro lato ne la più baffa parte del mónte pofle,
tutto l'arco de la fabrica fomentano & ad ogni apertu*
ra di terra ò mancamento pojscno ageuolmente refìjìe*
re.Ho comprefo anchora che quell'Architetto acconcia*
mente II'opera &" i lasabrica de sondamenti proiud*
dejlquale di Latona il tempio in Roma edificò. Perche
(gli por sé uerfo'l monte chefcpraflà il cantone de l'ara
in cotal guisa,che due dritte mura il peso che grauaso=>
fìenijsero }ecol cantone oppofto la moietta gi'auezz*
diuidejsero,e la sacejsero minore.Uora poi che de U lo*
di degli antichi habbiamo cominciato k parlar e,che ca
giuditio edisicarono,nonuogtio quello, che mi si para
dinanzi tacere ossendo cofa 4 la presentc opera non pò
co gioueuole.Vedefl in Vinegia d'un Architetto un bel
ordine Jlquale facendo de la chiesa di fan Marco il son
damento & ilsuolo,gli lascib più pozzi, assine che sai
cuno uento di sotterra uifi raccogliere , indi trouajse
iuscita.ftnalmente tutte le are,che uorrai con tetto cuo
prire,è di mejìieri farla À liueìlo uguale. Quelle,che lì U
sidano al seoperto solamente con l'archipenzuoloftdeb*
bona /pianare quanto baiti, che elle pofiino de lepìog-
gie rimanere scariche. Ma forsè oltre il conuencuok hab
biamo di tal cosie quiuiparlato■ Quando che molte de le
dette cosie ad edisicar le mura fi conucngcno,ma noi csi= \
sèndo cofie per natura congiunte,non le habbiamo uolit*
to separareMora segue de la paninone il parlare. .

De la diuifione,edel'Architettural'origine.Qa.y.'

Gni uigore de (ingegno ,& arte ci" indusirU,

d eàsicarc.
loading ...