Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 39
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0098
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LIBRO II. 3J

$e battuta risona è de lasordapiusodd.QueUd etidm*
^o,chessropiccidtd,manda odore disolso è più durd,che
l'iella che non rende odore dlcuno, e sinalmente quella,
*6c alscalpeUopiu refì$e,sarà cotro le tempera più fer
to<t edureuole. La pietrd innazi ld prederd pojld d cdc*
t'irne la suria de tempi, la quale satte maggior scheg*
Z'e,se hauerà conseruatd,giudkdsi migliore. Ogni pietrd
* nuouo cauata è più tenera, che dipoi che è tenuta al
sàoperto,e ld pietrd anchord humidd è di serro più arren
ht(ole,chesecca. Parimente ogni pietra in piuhumtdo
'"ogo cdUdtd3comesìdscccd,douentdpiu durd, & uoglio
.|J0'che soffiando O#ro più ageuolmente fi lauorino, che
h ~Boredsosfid,per che ddl sosfiare di Borea più to&o,
W di O&ro uengonosesse. E puojìpigliar tale inditio
'e le pietre saranno dureuoh.Qyella che ejsendo bagna*
*■ te l'acqua dpuenterà più grieue,ageuolmente da l'hu*
ftre scioglierasiiie quella che dalsuogo stsgrota ò dpre
n°i durerà di caldo òdi Sole.Non mi pare di tdeere dku
n* nemoreuoh cose d'alcuni dntichi de le pietre narrate.

Co/e memoreuoli de le pietre da gli antichi

dette. Cdp.cj.

■ \ . .\t ■ ■

JVT Onstrà sconueneuole stpere quanto di marauigtta

y ©" uarietdsi ueggd ne le pietre, asfine che cias cu

y * eonueniente uso sìa accommodata. Dicesi che nel ter

° ~Volstnio e Stratone sé é una pietraia cui ncsuogo,ne

. len%a di tempi nuoce,onde sàfi che eUa ad ogni edisi*

^ SU commoda,e contro ogni empito durcuole,cr eter-

lC lungamente i lineamenti de le imagini conscrui.Rt*

edisicando
loading ...