Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 40
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0100
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LIBRO" -11. ,-/a 2 3 40

^trso oriente fliìlano acque Ad altebalzi'iOue grandi no tucd
ghiaci uedrai creseere in pietra di tale grandezza, che no.
d'ogniundsì caricherebbonopiucani. Queftapictra da
nuouo cauata, e del natiuo humore piena è molto tenera,
°"e poi è seccafasii durisiimajc? ad ogni uso acconcio.\l
^desìmo ho ueduto auenire ne gli acquedutti, che i lati
& la bocca, come da una gwnma accreseiuti sacciano di
Pietra una crofta.ln 'Srancia due co/è di memoria degne
s°no in quell'età uedute. E nel terreno Corncliano un'ala
^ ritta d'un torrcnteja quale molte grandi e rotonde pie
*** ne le suè uiseere concette partorisce. Ne/ terreno di
^uenzu uicino a la ripa di 'Lamone, sono lunghe e gran Pietre
*' pietre da la natura produttejc quali gran copia di sa- cj,c ^arc
'e ogni di mandano fuori,e creseotw. Ne/ terreno Fioren riaseono.
sssto appo Ciati fiume è un campo nel quale ogni sette an
ni isasii, che uisono in copia in zolle si mutano. marra
Wttntdio Vlinio,che appo Zizeni,et uicino à Cajsandria
c Zolle infasti mutanosi. A Pozzolo la poker e da l'ac*
1uddel mare indurita, douenta pietra. Dicono anchora,
j^'rc tuttòl litto da Oroposino in Aulide tutto ciò che
t&ia il mare,douenta pietra e rasfodasì,Narra Diodoro
ytfn Arabia le zolle odorifere di terra cauati .fondute
alsuogo come il metallo, mutansi in pietra. Vaggiugne
■&ì che fimo quesic pietre di cotale natura,che fc da goc
Cl*ti pioggia uengono bagnxte, e sciogliendofì la calce,
° 7 e tra loro,sìrapigliano inficine e jassette un'intieri,
P'efr<t nel muro.Assermano etiàdio in Asso di Trode ca*
i*r 'd pietra Sarcosago, la quale co uena Àsendtrfìsaa
e/i congiunge . I morti corpi mcfti in quesìa pietra, ine
mZi quaranta di tutti si consumano,e che più ti farebbe

marauigliare
loading ...