Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 94a
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0209
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DB I.' A R € H I T E I\T V R A

temerà de pecche uicadano fopra,ne di suogo.lnsom*
ma facciajì la rocca à modo, che una picchia città sife
rebbc.fortisichifi con uguale artisìcio & opera la città,
dcccmmodandoiti le cose che pofimo giouare. Hqui m$
chi acquaie otte i soldatijc arme,<& il sermento, le ctf
ni,laceto,e speaahnente k'kgnc si tengano.Quejla to?
re principale,che dicemmo ne la rocca douerjì fare, far*
come una picchia rocca, ne ui manchi cofa alcuna ne l(
rocche bisogneuolc. Siaui la cisierm,e luoghi per constf
uare la uettouaglia, che abbondeuolmente le guardie no*,
drisea. Habbia Centrata onde malgrado de nimici pofii*
no useire ifoldatt,e pigliare dentro ilfufiidio.Non tace*
rò, che le rocche à le siate con cane d'acqua si fono di}**
sé , e le città per le sogne sono siate pigliate. Quelle <<
mandare fuori mefii fono siate commode. Maghèd'aUC
tire che dx quellipm utilesche danno no nasca.Yaccianjl
adunque le caue in torto e profonde, che non pofii il fa
dato armato trappajsare, ne disarmato neìa rocca ase®
dere,nonu'ejsendo ammejjo. tcrminerasii acconciamente
la sogna in deserta e non conofeiuta cauada sabbiafiW*
ro àsepokhi de tempij. Bscgh Immani cxsift debbono
temere, ghueràfapere Ventrata ne la più secrcta p^tc
de la rocca, assine che sé nesofti efcluso, tu pofli agcuol*
mente con tuoi foldati entrami per sorza, farà forfì*
quello gioueuole hauere una p&rtc de le mura nafeofa'
non di cake,ma di creta fittaà commodo di colui foU*'
mente,che regna, sia egli Re, ò tiranno. Noi quanto fr
mefeiero di sare detto habbiamo.

Up*

rtt
loading ...