Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 105
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0230
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L I B R O V. 10$

tótojl mercttojtarjenalc.lesiaUc. Quid poche cofe ui
jono da dire,mapure no si debbono tacere.Gli è manife
sio che il granaio terario, tarmameto nel mezzo de la
ùtta meglio stano,acciò che piti jìcuri sìano e più corno
h.Varsende per ilsuogosia da le case siottato.Qucfto
no>i si taccia,che gioua fare intiere lettura da terra sin
lopraH tettoj quali uietino che'ifuogo per gli edisici] e
^tti sisit>ondi. Le piazze de mercati sopramarc,à> leso
Cl de siumi e ne triuij de le militari uiesisacciano.Sia ne
'wsenale un canale À condurre dentro,& a conciare le
st<(W,er 4 mandarli fuori acconcio,ma debbe l'acqua in
c°tal luogo di continuo muouersi.Marciscono le naui da
G/«"o di mezzo dt,s\ìprono col gran caldo,ma cefi rag
|'° i Oriente uengono conseritine. I granai ouunque si
Sciano,di secca aria sommamente si godono . Parlerei
1,10 di quessiìargamete,òue de lecase depriuati,à i quali

di opere s"appartengono,dirasii. Farai i luoghi da sole
1,1 tal guisa. Sottoporrauui carboni per altezza d'un go
tolto,®- battuti, dggiugnendoui sabbia con creta impa*
'•*<* alta tre palmi e facciafì piano, e con mattoni sino
<*c negrezzano cotti fi Usireghi. I lati del muro sé non
*ffttt di tali mattoni,con quadrcte pietre,no di tofo ne
^Pietra uiua cuopriraifacendo co traui e tauole lungi

" 'w«ro un gomito un parete con chiodi di metallo oue*

0 c° Mcaftrature fermato tinterualb trai muro e'I pa
cfe cWcanne empirai.Giouera sommamente cuoprire
%nami con luto di creta & morchia,tagliatoui entro
"irtamentesfarto & gionchi. Siano que&e publiche
P&t da insidìe er empito de ladri, nimici,_e seditiosi

1 ta-iini,con mura er torri fortisicate. Farmi hauer de

o le


loading ...