Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 106
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0232
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
t LIBRO.: T*:; a j i a io<?

'»"* con font e uie.da queilo muro à quello de là prigìo*
ne si lasci/patio di tre piede,accioche le guardie de pri-
pionieri i consigli del suggir e possàno udire. Diuidasi il
tracio nel mezzo l'ara ■, acciò ne l'entrata sia una sola
meno trijla, oue si tengano chi ad imparare il ben uiue*
Yz ni si conducono . Indi silano le guardie tra i cancelli
Vifteccati. 'iiaui poi un ara scopcrtayfacciansi di qua
e di h portichi,per i quali à più celle per molte apertu*
resiuada.Tenganofìin quefle celle i salliti e debitori,
n°n tutti insieme, ma diuifi. Sia ne la fronte una fìretta
Pigione,oue i menrei huomini filano,più óltre quei3che

* tnortesono degnifi rinchiudano.

^epriuaii edtsicij e loro differenza. De la uiUaje come
sidebbe collocare e sabrican. Càp.14.

VEngo àgli edisicijpriuati.Uabbiamo detto la ca*
sa essere una piccola citta.Debbcsi adunque cir-
c<t Isella confiderai quafi tutto ciò,che nel sare la cit
f<t/É ricercale fiasdnajidbbi le opportunità e comma*

* <* uiuere in pace e tranquillità delicatamente. Varmi
nt "bri pdssati hauerdi quc&c cese quali pano di suti.
n<ltHra,e diche maniera esser debbono detto assai. Gli è \
'n^ifeil0 chefafìi la cafà,assine che la samiglia accon-
clWcntc uislia ", laqudle non [ara bene commoda,non

wndo ciò che à quella sa mestìero.Grande è il nume*
°jkgh huomtni,e dicose ne la famiglia, ilqualenonjì
'Jponcco ugual modo ne la citta,e ne la uilla.T?erche]ne
'Mi edificij il muro uicinoj cannonala uiapublica.e la
a f' danno noia,che non posii à tuoi piaceri satisfare,

02 ìlche
loading ...