Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 111
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0242
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
1IBE O V. Ut

W alcuni al scopcrto,alcuni da un lato„alcuni dadue,aU

to' dà più, ò da, tutti i lati gli pescro iportichi ', altroue

filino interra il patimento altroue glie sottopc&oun

so/so.Di quello non dicopiu,se non chest consideri la re

gione è le sortune de tempi jxccommodando il luogo,co*

Me l'uso rkerca,cioè che ne la fredda regione il surore di

%orc4e tafyrczza de l'aria e del terreno si debbeschiua

r*Ma ne la parte caldisiima escludasì il moleho Sole,am

Kettédo il giocondo uento,e la grata luce quanto e pos-

wileda ogni parte pigliando . ìlabbia)ì à mente,che da

yiumido de la terra non si lied noioso uapore,ouero che

* nebbie sondendo,non bagnino lasabrica. Sia nel mez

*° ielseno Ventrata,còl magnijìco,& ampio, non moU

toaho ne oscuroueflibulo, esiauiprima unpicciolo tetti

P'o conVara,oue entrando isor avieri, faccino religiosd

tmicitia,®' il padre di samiglia tomandojì a casa,chieg

& da Dei pace e de la J"uà famiglia il tranquillo siato.

Q2s«» abbuccierà egli chi losalutano,e con gli amici di

*"* alcuna sentenx.apigh.era consiglio, 6 de altre biso-

Ste-Coss questi si conuaigono lesìneflre di uetro,ò iaU

tYa cosa trajparente nel mezzo delportico, per le quéi

^Hasi à diporto, & entra ne la casa il Sole e l aria,co

e hjlit.gionericchicde.come ha Martiak.

Le sine(tre,che l'aria de la notte

s°n fatte per cacciare,il giorno poi

figliano ilpuro Sole e l'aria fana.

°sero gli antichi il portico a mezzo dì, per chel Sole

e |9M non entra per gli archi, per che sa il uiaggiosuo

°<to alto,zr u entra il uerno,per che uà basfo, il guar-

: weuerso monti da.mezzo dì, chesiano lontani è meno

giocondo
loading ...