Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 121
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0262
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LIBRO VI. Ili

VeUo,che ne le ornate,& uaghe opere piace,

ouero da ingeniofo trouamento e ragioni,ò da

'mano artesiciosa, ò da la natura ne le cose me

i(°ldta,deriua.Tcccaà l'ingegno lo eleggere,diflribuire

ssocare e simili esfetti,che sanno toperadegìU.Ala ma

io appertienst murare, formare, tagliare ma, pulire &

*fre opere^ che sanno (edifìcio grato cruago. Scorine

e cose naturali grauità,leggterezza,saldczza,e purità.

lontra la uecchiaia sta la uertìt, er altre simili cose che

^Honol'opera mirabile. Scanno quelle tre cose à diuì

ye per le parti,come è di ciaseuno tuso e l'ufficio. Va

le ragioni s hanno àconsiderar■€ neldiuidere le parti.

^ noi diuidiamo {edisìcio oueroper cosa , ne la quale

^igli edisici] sì couegono,ò per quella ne U quale so~

0 Rimili.Hacci il primo libro mani}'eflato coucnirsìad

&i edisìcio la regide,l'ara,la diuìsìonejl muro,il coper

e [ 'e aperture,et in quefie cose fono simili Ma sono dif

ffi'per che sono alcuni suri,altri profani, alcuni pu-

l^akripriuati,altriper necefiìta,altn per diletto, er

y uurie causesabricati. Cominciamo di quelle parti,

fv Squali st conucngono.Noiisì uede che gratiaò digni

e P°sii l'humana indu&ria porgere à la regione, sé non

J*gioita imitar quelli, che le miracolose opere, de le

l lsikgge,trouarono . l quali però non sono da pru-

r l biasìmati, sé si danno àsare opere commode ; ma

isono necessirie, li uituperano. E meritamente in

ho l°derà Stasìcrate,come ha Plutarco,ouero vi-

fc ^secodo Vitruuio,d quale prometteafare del mo

€^r°L- ^APatWA d'Alessxndro di loooo.huomini capi-

wisimcrò già Nitocri Kcina,che piegato tre sa*

q te
loading ...