Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 134
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0288
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
,li b b o h vi» a a *^4

tbìmpìasìrato e creta bianca. I -c&wrft di metallo meno
si raccendono^ meno mocono con larugtne. Il piombo
eonsserco unto si guaita,per che è da proucdcre, che no
tìkabbino slanza gli uccelli, ouero sottoponganojì gros*
sttauole}oue il cadente sserco fi raccoglia. Narra Euse*
°'°,cbe soprd'I tempio di Salamone erano tirate cateney
** k quii pendeano quattrocento càpanetti,co'l cui suo-
tt®sitssèro smariti gli uccelli.Orna/ine i tetti la cima, le
bocche de i cannoni,®'i cantoni anchora.Et ui si ponga
"° b<tHe,sìori,flatue,cfri,e cosc similijc le quai portico
. unente parleremo alsuo luogo. Altro non refìa & dire
Clrca gli ornamenti di quefta parte, sé non che si pon*
'8*tt> tutte lecose ne i luoghi conueneuoli epropij.

^onie gli ornamenti de le aperture rendono l'opera ua-

" &>ma tengono molte & uarie dissicultà,<c? incorno*

dt.Sono due generationi di opere soprapofìe, e qual

cosaÀciascunasicomenga. Cap.iz.

j! -A A «no ueCghezZit,leggìadra e riputatione à lope-
•*-yJragli ornamenti de le aperture, ma portano seco

°w e grtui Aifftcultà, a le quali non si può proucdcre Ornarne
p non c°n pronta diligenza de l'artesice, cgranjpesa. ti de le

He\

, r c»e nisi richieggono grandi pie tre,intiere, uguali aperta
Maneggi ano aizzano,lauorano, ne si disiongonose

'fare, tutte le quai cose non sacilmente si truoua* re,

*> che desunto. Dicea Cicerone che haueano detto gli

cbitctti non poter sirizzare le colonne al piombino, il

tu ePer maèK'orfermcZZa,eper leggiadria ne le apcr

s e Mcejjario.Soniti anchora altri incommodi,à i qua

li quanto
loading ...