Alberti, Leon Battista
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 143
DOI Seite: Zitierlink: 
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0306
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen Nutzung / Bestellung
0.5
1 cm
facsimile
LIBRO VYI. 14J
Plutarco, che altroue cossumauasì di porre il tempio 4
pc&o pio fuori de la citù,pcr che iui è l'aria più satta,
^ssimauanopoi che si uariasse de tempij lasorma,secon*
dola uarietà de i Dei.Comendarono il tempio del Solere
di libero padre di forma rottonda. Varrone dicea che'l
tempio di Gtoue, il quale mo&ra isemi de le cosè, debbe
"tutre il tetto aperto.Yaceano rottondo il tempio di Ve
"zia quale cr edono,che sia la terra. A De/' superiori fa*
"rìcauetno i tempi) alti da terra, a Dei infernali sotter*
Y4-A terre ftri li faccino mediocri. Laonde io penso,che
"*"# tempij usurparono diucrftsacrisicij. Altri bagnaua
ìl0$i altari con sanguc,altri con uino,altri ogni di truo*
u<tUano riti nuoui.Tccc Vojlhumio una legge appo Roma
'•Non jpargerai uinosopral brusciato corpeper il che
'c%c/jc non co&umauano gli antichi di saenfeare con
ln°jna con latte. Ne llsola ^iperborea ne Vocceano,
^dicesìche nacque Latona, era una città ad Apollo
crct > 1 cui cittadini sonauano tutti di cithara, per che
2"' di honorauxno iddio c&l canto.Truouo appo Theo
P®°s°fijia}cbe ne tljìmo saaificaua.no à Nettuno una
WH/ctf.Non era lecito à gli Egitti) placare i dei con al-
0 che con preghi,laonde posero fuori de la città i tem*
pì di Saturno e di Serapi,pcr che sé gli sacrifeauano pe
4**'$**.i no/fr' "surparono per tutto le basiliche ad uso
„ Jdcrisìcij,e queilo fecero, per che da principio erano
p^'ti r<ceoghersi ne le basiliche d'huomini priuati, e
fr.yfaeuasi iui con somma dignità tatare innanti al
tur f"'^ Ucconciamcntc ftaua il coro intorno à lai*
toil^'-j rimancnsc & la basilica, come e il pajseggia*
^"portico era lascitto al popolo, che pajseggia*

loading ...