Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 162a
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0345
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DE L A R C H 1 T E T T V R A

tri honoreuoli ornamenti del tempio.Leggiamo che Gì*
. gè donò ad Apollo Vithiosei tazze doro masiccio, chi
pesauano trenta milia libre. Et che in Delso erano udji
£oroj& dargento capaci disei amsore.Molti flimaro"
no più Vartisiciofa ' operaZT ìinuentione >che l'oro.N<f
rasì che su in Samio una tazza, diflxtue di serro Uuorfc
tu ,.laquale mandaro Lacedemonij per dono d Crefo, &
tanta grandezzate capiua trecento anfore. TruoU°
anchora che Samij mandarono à donare a Delsi una co?
tinaie lacuale con mirabile artef ciò erano scolpiti cP
pi danimah,e Colossi alti sette piedi lasofteniuano cól
ginocchio piegato.'Et e cosa mirabile che Sannitico tylt,
tiofece un tempio ad Api con colonne & uarie ft^c
molto ittufke,& dentro puose ad Api una satua Ms^
le continuamente si uoltaua à guardare il Sole, E qui®
è più degno di marauigha, che nel tempio di DiandT
Bseso flaua pendente un dardo di Cùpidine, senzd §*
sere attaccato a cofa alcuna. vttali co sé nondcW
mino altro,fé non che si pongano in luogo cott^
rieùole, acciò che muouanoà riguardanti marauip1
conmaeftà.

Vrincipij de la basìlia,portichi,parti;e co*

mesìfabnca>0' in che cofa ella fu dis

ferente dal tempio. Cap.14.

GLi è manisesto che nel tempo a, dietro la b*PlC.
era un luogo, oue sottol tetto concorrer»0
principi à tener ragione. A quello luogo per la &$•.
ià su aggiunto il tribunale. Norc bacando poi l'.te<

prillar'
loading ...