Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 189
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0398
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LI B R O Vili. 189

ttrzó più de la larghezza :& il rimanente fecero co*
tfe'neli theatri. Perche li diedero intorno il portico
(Jlrinseco,& il portico ne l'andito disopra.Segue che si
r<%ìoni del cerco . Dicesi chesufattoad imitatione del
«e/o, p^che n'erano dodici porte, come sono nel cielo
dodici jlanzeie secondo li sette pianeti, eranui fette■ter*
""m notabih,uerso oriente, &occidente:moltoscoslati
Un<> da l'altro,per che li carri da due cauatti ò da quattro
wrrcuano contrariando,' come il Sole e la Luna uà per
'° Zodiaco: e dal numero de le horefì compiuacon uen-
Quattro arme da lanciare. Quei che contcndcano,era*
n°dmiss in quattro compagnie disfercntiate co'/ colore,
" "erde che (ìgnisìcaua la primauerajl rosato la siateso
Cosa3il bianco,il pallido autunno,*®" ilsoscojl tritìo uer*
"°- Ld piazza di mezzo nel cerco non era iJpediU,co-
"Jc ne lansìtheat 0, ne con pulpiti impedita, come nel
watrojna per lungo a lineaja quale diuidea la larghez
** de la piazza in due corsi.rizzauansi alcuni scgm,cir
c<t li quali correuam gli animali <& glihuomini. Eranui
^ termini più raguxrdcuoli,ma quello dimezzo era de
&isiimo,quadro,alto e puntuto,e per che à poco a poco
>x ua rtJlnngendò,nomafì obelisco. Gli altri due termini,
°«ero erano colosiiò creste di pietra con merli di sopra,
p «oghezza de sopera-Tra amedue quesse si intramet
euano di quà e di U due colonne,ò minori termini.Dico
0 Qihi&orki che'l cerco ma simo in Rema era lungo
/ ihdij,c largo uno,ma bora è romnato in guisa,che no
Può comprendere qual susse la sila sorma.Nondimeno
ruouo da le misurc de le opere chesaceuano gli antt*
«piazza dì mezzo larga non meno discjjanta go-

miti
loading ...