Alberti, Leon Battista  
I Dieci Libri De L'Architettvra Di Leon Battista De Gli Alberti Fiorentino ...: La commodità, l'utilità, la neceßità, e la dignità di tale opera [...] — Vinegia, 1546

Seite: 234a
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1546/0489
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
d E l'a rchitettvra

habiti.Tuttauiapuòanchora l'Architetto in qualche co*
sa giouare à taratore. E questo quando il campo per lo
(ecco, ouero per la troppa copia di acque, e loro moU"
siia,nón è atto che silauort.varai il uignale nel prato htt
mido in queitaguisa. Cauerai da oriente uerso occidente
d dritte linee ugualméte dijlanti, sosse quanto si può prò
sondejarghe nuoue piedi, e Untane una da Valtra quiti"
deci ptedi,et amucchia traglitnterualli quel terreno fa
cauerai de le fosse, acciò che con la piegatura piglino »
Sole da mezzo dite satti a mano que&i piccioli coUhft*
ri k ulte più jìcura,c più sertile. ma nel colle seceofe'
rai il prato in queUa guisa. Cauerai una lunga fossa, ^
quale non habka esiito, masia come un lago:ne la parte
di sopra sarai un margine uguale à liuello, sarai seenàv
re in quella Tacqua de i pros imi sonilequella Jpargen*
dosì da taltra par te,adacquerà ugualmente, e di conti*
nuo il campo sottopofìo. Ne la campagna di Verona pi*
no, di tondi sasii, nuda e al tutto jlerile, hanno in alc0
luoghi satto con l'adaquare, che'lsuolo è douentato hi*
hoso,& ediuenuto un prato giocondi simo.Volendo che
unaselua cresea ne la palude, arerai il terreno,cauando"
ne ogni CeJpuglio,dipoi la mattina [sorgerai ghiande &
rouere. Con tale piantare nempirajse il luogo di pianta
le quai tireranno à sé buona parte del foprabondante &"
more.E còl creseere de le radici,e con le soghe,e fronti
che caseano alzerasi ilsuolo. vi si conducano poi a^"c:
turbide3 che non ne posiino useire, ma empiano i luo$\
basiiMa di questo parleremo altroue. Se la regione p$
rà da le acque, come auiene ne la Gatlia lungo il Po > '"
Vinegia,e luoghi sìmili, habbiamo da consìderarealcui^

cose. Per che ouero nuoconoper esser troppo copiofa?

col
loading ...