Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 5r
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0036
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
is not

■ propts

as \«l

in

e, as «— ■
> great »b>;n
rate. *■' ,

her i'''110*1

e con il moverli li vìnce il freddo : Ne perisano
che il lecco abbia troppo in sé cod alcuna, per
la liliale polla nuocere grandemente a' corpi, o a
gì' ingegni de gli uomini: sebbene e' perdano,
che gli uomini per li ardori li rilecchino, e per i
freddi forsè diventino aspri : Ma e' tengono per
certo che tute' i corpi, per la troppa umidita si
corrompano, e per il caldo si rilolvano : E vcdeli
che «li uomini, sì ne' tempi sreddi, sì per abitare
ne' luoghi freddi) Hanno più suni e più lenza ma-
lattie. Ancor che e' concedano che ne' luoghi
caldi eli uomini sono di migliore ingegno e ne*
freddi di migliore corporatura. I' ò letto ancora
in Appiano iltorico, che i Numidi vivono assai,
perchè anno gì' inverni lenza gran freddi. Quella
regione sarà più dell'altre migliore, la quale larà
anzi che no umidetta e tiepida, perciocché in quella
si genereranno uomini grandi, begli e non mclan-
colici. Secondariamente quella regione sarà com-
modisUma, che essendotra provinde nevose, avrà
più di Sole che le altre. E tra le provinde aride
per il Sole, quella che avrà più di umidità e di om-
bra. Ma non si porrà edificio alcuno, e sia qual
si voglia, in nestuno luogo peggiore né più seom-
modo, del naseoio tra due valli : perciocché las-
ciando in dietro quelle cole che sono manirelta-
mente apparenti, gli edificj polli in tal luogo non
anno alcuna dignità, liando nalcosi, e la veduta
loro interrotta non à né piacere né grazia alcuna.
Machcdircnnoi, ilche in breve accaderà, che saranno
guaiti dalla rovina delle piogge e ripieni spetto dalle
acque che intorno li piovono, e succiato non po-
co umore, continuamente daranno fradici, e sempre
sfumeranno alsiduo vapore, nocivo grandemente
alla sanità degli uomini. Non saranno in quel
luogo gì' ingegni eccellenti, essendovi infermi gli
s] ilici, ne vi dureranno i corpi. I libri infradiciate
le ligature, puzzeranno ; le armi e tutte quelle cose
che saranno ne'magazini s'infradiceranno, e final-
mente per la soprabbondanza della umidità vi si
corromperanno tutte le cole. E sé ancora vi en-
trerà il Sole, si abbruneranno per la spelTa rever-
berazione de' raggi che da ogni banda quivi risal-
tano, e le il Sole non vi entrerà diventeranno aride
per l1 ombra, e si raggranchicranno. Aggiugni a
quelle cole, che penetrandovi il vento, quali che
rillrctto per canali, vi fera maggiore e più crudel
suria, clic non fia conveniente. E sé non vi en-
trerà, quell' aria ingranata diventerà (per dir
così) quasi che un fango. Una così fiuta Vallata
polliamo noi non a torto chiamare un lagaccio,
ed uno Bagno dell' aria. Per tanto la forma del
luogo, nel quale vorremo edificare, debbe esl'ere
degna e piacevole,' né in modo balla che iia quasi

che

Book I. 5

ill it very noxious, either to the Bodies or Mind,
only that by Dryncss Men's Bodies are hardened,
and by Cold perhaps made somewhat rougher:
But it is held for certain, that all Bodies corrupt
with too much Humidity, and are relaxed by
Heat. And we find that Men cither in cold
Weather, or that live in cold Places, are lnorc
healthy and less subjeel to Dillempcrs : tho' it is
allowed, that in hot Climates Men have better
Wits, as they have better Constitutions in cold.
I have read in Appian the Historian, t! at the .\7/-
midians are very long lived, because their Winters
are never too cold. That Region therefore will
be far the bell, which is just moderately* warm
and moist, because that will produce lusty hand-
somc Men, and not subject, to Melancholy. Se-
condly, that Region will be moll eligible, which
being placed among Countries liable to Snow,
enjoys more Sun than its Neighbours : and among
Countries burnt by the Sun, that which has molt
Humidity and Shade. But no Building, let it be
what it will, can be placed more unsightly or
inconveniently, than in a Valley down between
two Hills : because, not to inlilt upon more ma-
nifelf Realons, an Edifice so placed has no manner
of Dignity, lying quite hid ; and it's Prospefl be-
ing interrupted can have neither Plcasure nor
Beauty. But what is this to those greater Mil-
chiefs which will lliortly happen, when the House
is overwhelm'd by Floods and sill'd with Waters,
that pour in upon it from the adjoining Hills ;
and imbibing continual Wet, rots and decays,
and always exhales Vapours extremely noxious to
the Health of its Inhabitants. In such a Place,
the Underllanding can never be clear, the Spirits
beingdampt and stupify'd; nor will any kind of
Bodies endure long. The Books will grow mouldy
and rot ; the Arms will mil, nothing in the
Storchouse will keep, and in ihort, the Excels of
Moliture will spoil and destroy every thing. If
the Sun lhines in, you will be Icorch'd ip.suilciably
by the frequent Reileflion of his Rays, which
will be beat back upon you from every Side, and
if it does not, you will be dried and withered by
the continual Shade. Add to this, that if the
Wind gets in, being confined as it were in a
Channel, it will rage there with greater Fury
than in other Places: and if it never enters, the
Air for want of Motion will grow thick and
muddy ; inch a Valley may not improperly be
call'cì a Puddle, or Bog of Air. The Form of
the Place therefore in which we intend to build,
ought to be graceful and plerfant, not mean and
low, as if it were buried below the resi of the
D Earth,
loading ...