Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 13v
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0054
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile


L t st R O

I.

t>P insegni ile gli uomini siccome noi veggiamó,
si eccitarono a colè degne ; e li sforzarono clic le
cose che eglino mortali edificavano, rimanellero
quali eterne ed immortali ; e per quello posero
colonne e travi ed intavolature e coperture tutte
di .Marmo. E nel porre quelle cole gli Archi-
tettori Antichi imitarono talmente la natura di
elle cole, che e' non vollero' parere di elicili
punto disenditi dall' uso comune degli Edificj ;
ed insicine polirò ogni ihidio, che le opere loro
fullìno atte e (labili ad tisarle, e graziose alla
villi. La natura certo ne porle le Colonne da
principio di legno e tonde; e dipoi nelP tisarle è
avvenuto the elleno in alcuni luoghi si Sano
fatte quadre. Laonde sé io ne giudico bene,
vedendoli nelle Colonne di legno certi anelli e
cerchj di Bronzo o di ferro polli da piedi e da
capo, acciocché per il continuo peso che elleno
dovevano reggere, non li fendettero ; Avvenne
che poi gli Architettori lasciarono nel piede delle
Colonne di Marmo un Collarino a similitudine
d'una fasecrta : Onde avviene che per lei si di-
fendono dalle gocciole* che risaltano. E da capo
ancora lasciarono una fasciuola piccola e sopra vi
posero un Mazzocchio; Con i quali aiuti ella
paresse loro una Colonna di legno fortificata.
Ma nelle Baie delle Colonne, olservarono che
nella loro più bassi parte, fullìno di linee di-
ritte e d' Angoli a (quadra ; e nella superficie
di sopra di elle, vollero che elTa basa fusse dcN^
groslezza del giro della Colonna, Ed olservarono
che quella baia da ogni lato fusse più larga, che
alta, E vollero che ella fusse più larga che la
Colonna, una determinata parte di sé ltessa, E
la superficie di sotto di ella basa vollero ancora
più larga, che quella di sopra, e che il zoccolo
russe una certa detcrminata parte più largo che
la basa, ed il fondamento altresì più largo, che
il zoccolo, di detcrminata parte. E tutte quelle
così satte cose che niellerò l'ima sopra l'altra,
le collocarono a piombo sopra il centro del mez-
zo. Ma per l'opposito tutt' i capitelli conven-
gono in quello, the le parti loro disotto, imitano
le loto colonne, e quelle di sopra fìniseono in su-
perficie quadra ; perchè veramente la parte di
iopra del capitello tèmpre (ara alquanto più larga,
che quella di sotto: Quello balli quanto alle
Colonne. Ma il muro lì debbe alzare con pari
proporzione alle colonne, acciocché sé egli avrà
da ell'eie alto quanto la colonna con il suo capi-
tello ; la (ìia grossèzza lia la mcdclìma che quella
della Colonna da badò. Ed ossèrvarono ancor
quello, cioè che non fusse alcuna-colonna o baia
o capitello o muro, che non fulle al tutto limile

in

Book t.

Afterwards Men's Thoughts Icing slirr'd Up ta
worthy Attempts, they lludied, tho' themielva
were mortal, to make their Buildings in a manner
immortal and eternal ; and for this rcalort they
nude Columns, Architraves, Intablatures, and
Coverings all of Marble. And in doing thele
things the ancient Architcfls always kept lb clofe
to Nature, as to secm if possible never to have
consultcd any thing but mere Convenience in
Building, and at the same time made it their care
that their Works shou'd be not only Hrong anj
uleful, but alio pleal'ant to the Sight. Nature
at firll certainly gave us Columns made of Wood
and of a round Figure, afterwards by use they
came in sonie Places to be cut square. Thereupon
if I judge right, seeing in these wooden
Columns certain Rings or Circles of Brass or
Iron, fallen'd about the top and bottom, that the
continual Weight which they were made to bear,
might not split them ; the Architects too left at
the foot of their Columns of Marble, a little Rin»
like a sort of Binding; whereby they are defen-
ded from any drops of Rain that might dalli up
again upon them. And at the top too they left
another little Band, and over that an Ailragal or
Collar; with which helps they observ'd the Co-
lumns of Wood to be fortified. In the Bases of
their Columns it was their Rule, that the under
Part shou'd consili of ilrait Lines and right Angles,
but that*dieir upper Superficies shou'd terminate
circularly to answer to the round of the Pillar;
and they made this Base on every Side broader
than high, and wider than the Column by a
determinate Part of itself; and the under Super-
ficies* of the Base they made broader than the
upper ; the Plinth too they wou'd have a certain
Proportion broader than the Base, and the Foun-
dation again a determinate Part wider than the
Plinth. And .all these Parts thus placed one upon
the other, they erefled perpendicular from the
Center of the Foundation. On the other hand,
the Capitals all agree in this, that their under
Parts imitate their Columns, but their upper end
in a Square ; and consequently the upper Part of
the Capital mull always be somewhat broader
than the under. This may sutvice here as to
the Columns. The Wall ought to be raised with
the lame Proportions as the Columns ; so that
if it is to be as high as the Column and its Ca-
pital, its Thicknel's ought to be the same with
that of the bottom of the Column. And they
alse) observed this Rule, that there shou'd be nei-
ther Pillar, nor Base, nor Capital, nor Wall,
but what shou'd in all respeQs conespond with

every
loading ...