Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 19v
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0067
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Libro II.

così, clic per istinto di natura, o ciotti o IgttO
lami, uitii (ensiamo in un l'ubiti) nelle arci e
ragioni delle cole, quel che vi Ila che Illa bene
o male; ed in cosi latte cole anno gli occhj un
conoseimento più di tutti gli altri acutissimo.
Onde accade che le ci viene innanzi cosa alcuna
zoppa o corta, o che non vi l'accia niente, o che
non v'abbia grazia, subito ci fentiamo commovere,
e la desideriamo emendata. La cagione perchè com
avvenga non lappimi noi : nientedimeno sé ne
fulsimo domandati, non (ària nessuno che non di-
celle ch'ella li potrebbe rimediare e correggere :
Ma non skpranno già trovare il modo da rimediarvi
sé non coloro che saranno in ciò pratichi ed eter-
cirarillimi. Egli è osficio d' uomo savio averli da
principi,) Hell' animo e nella mente ina pensato
e recatoli a fine cigni e qualunque cola. Ac-
ciocché poi o nel fare la opera o nella già fitta,
non s'abbia a dire, io non vorrei quello, o io vor-
rei cjuclV altro. Et è certo cola meravigliosa
che d'un' opera mal condotta (apportiamo non
leggieri/lime pene : Perciocché in progrclso di
tempo finalmente ci avveggiamo che noi non
coniiderammo quel che pazzamente e lenza con-
sidili) ci mettemmo a fare da principio. Onde ac-
cade che le tu non Io dissai e racconcilo, te ne
penti continuamente per la oftesia del difetto, o
sé tu lo getti in terra, sei biahmato per conto
della spesa e del danno, ed acculato di Icggierezza
e d'iilabilità d'ingegno. Suetcnio dice che Julio
Cesiire avendo cominciato da fondamenti un'
cdilìcio inNeniorsc, e sinito con grandi/lima lpela;
perchè e' non (lava per tutto così appunto,
come egli avrebbe voluto, lo disfece tutto: Della
qual cosa certo ancora insino da noi poderi è
da cllérnc bialimato, sì perchè egli non alitò ide
a bastanza quelle cole che gli bisognavano, si forsè
ancora perchè dipoi, per errore di Ieggierczza,
ebbe in odio fin quelle cose che (lavano bene.
Laonde io certo loderò sempre grandemente
l'antico collume degli edisicatori, che non sola-
mente con disegno di linee, e con dipintura, ma
con modelli ancora ed esempi fatti di alliccile
o di qual' altra cosa si voglia, li elimini, e penli
e ripcnli più volte con consiglio d'uomini eser-
citarilhini tutta l'opera, e tutte le misure delle
parti lue, prima che noi ci mettiamo a far colà
alcuna, allaquale si ricerchi e spesa e cura. Nel
fare i modelli ti h porgerà occalìone di vedere e
ben conlidcrare la ragione e la forma che deliba
avere d Qto nella Regione, che spazio li debba
dare al (ito, che numero ed ordine alle parti,
tome debbano elser satte le facciate delle mura,
che (labilità e sermezza abbiano ad avere le coper-
ture :

Book lì.

or v rung in the contrivance or execution os thinfeji
and what a Ihrewd Judgment the Eye has in
Works óf this natura atove all the other Scnl'er.
Whence it happens, that if any thing < Hers itsclf
to us that i, lame or too little, or unnecessary,
or ungraceful, we prelènrly find ourselves moved
and delirous to have it handsomer. slic rcal'ons
of thofe Fault» perhaps we may not all of us
be acquainted with, and yet if we were to be
ask'd, there is none of us but won'd readily say
that suiha thing might be remedied and corrcsscil.
Indeed every one cannot propose the Remedy,
but only inch as are well practiced and experien-
ced that way. It is therefore the Part of a wise
.Man to weigh and rei lew every particular tho-
roughly in his Mind : that he may not afterwards
be forced to say, cither in the middle or at the
end of this Work, I wiih this, or I wissi that
were otherwise. And it is really surprizing, what
a hearty Punilhmcnt a Man sillers fora Work
ill managed : for in Process of time, he bimfelf
at length finds out the Mistakes he foolishly made
in the beginning sor want of due ResseSion : and
then, unless he pulls it to pieces and reforms it,
he is continually repenting and fretting at the
Eye-sore ; or if he pulls it down, he is blamed upon
account of the Loli, and Expence, and accused of
levity and instability of Mind. Suetonius tells us,
that Julias C.tjur having begun a Structure at the
Lake Nemorcnsis from the very Foundations, and
compleated it at vail Expence, pull'd it all
down again, because it was not cxaftly in all
respefls to his Mind. E'or which he is certainly
very much to be blamed even by us his Pclleritv,
either for not sufficiently conlidcring what was
reejuilite at firsl, or else afterwards for dissiking
thro levity what might really not be amils. I
therefore always highly- commend the ancient
Cultom of Builders, who not only in Draughts
and Paintings, but in real Models of Wood or
other Subitanee, examin'd and weigh'd, over and
over again, with the Advice of Men of the bell
Experience, the whole Work and the Admeasure-
nients of all its Parts, before they put themselves
to the Expence or Trouble. By making a Model
you will have an opportunity, thoroughly to
weigh and consider the Form and Situation of
your Platform with respetfl id the Region, what
Extent is to be allow'd to it, the number and
order of the Parts, how the Walls are to be made,
and how (Irong and firm the Covering; and in
a word all thole particulars which we have spoken
of in the preceding Book : and there you may
casily and freely ad I, retrench, alter, renew,

and

V
loading ...