Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 22r
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0072
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
*«*"•« aZ
C Work in , >

>»t not in ,|
:e*. butalj,

1 do "cit cw.
nous Courteza
r building her^
ce : Fot tho r-,
in have acquit
was by no me»,
But on theotfe

Queen of Corà,
ind wort'
tho' in things os

is leti Hurt,

furious a !..
, who accord™
Sepulchre,
ho it be true th
jdcsty, an J pi:.,
nes too arc i ■::■■
dest as the i
"or the surpriaij

Work :
Rome in ::
inadvifcd
i for undett ■...:
nded by
lather have v.:'..'.
lousandMenml
nad taken the is-
-xrence 11
vili notdetessi
■ Heliogdalusi *
noe Column W
tttothet.
obe sit*»»

himself. tut;;;

I B R 0

ir.

■all soon t0
Successorsv0f>
ore Co A*- (,:.
: navigable K

is becaufe tW ,^
aire a &"**

delio Imperio, e de' Principi di tal cosa continua-
mente ihklioliilimi. Lcquali cole poiché cos'i
sono, lì debbe aver conlìeierazione a quelle che
noi di Copra abbiamo racconto, cioè che cosa ila
quella che tu voglia fare, in che luogo tu la
vuoi fare, « chi tu lia che la faccia : e l'ordinare
il tutto secondo il merito e l'uso della cosa, sarà
certo cosa da uomo considerato e di buon con-
lìglio.

Cap. III.

Che consulerato diligentemente da
cias cuna delle parti de Model/i,
tutto lordi ne dello edisicio; fi debba
chiedere/opra di ciò con figlio a gli
uomini intelligenti esivj, Ùinantt
che e si cominci a murare, non

sola mente farà lene fa per e donde
anno ad ufeire i danari per la

fpefi, ma Insogna molto innanzi
aver proveduto tutte le cofe necef-

farie per dar fine aduna tale opera.

SF

Il I

^Ocate ed avvertite quelle cose, si debbe

andare guardando l'altre intorno, le

eiakuna è finita perfettamente, ed a'

luoghi iuoi commodamentc diltrìbuira.

acciò che ti riesea, è di biiogno che tu ti

prepari in modo, che nel rivedere qualunque di
quelle cose tu ti persuada di avere a biasimo, le tu
non conleguirai che e' non i\ posTa in nell'uno
altro luogo riguardare più volentieri, o maggior-
mente lodare nelsun'altra opera, che con limile
spesa ed opportunità si lia potuta condurre.
Né balla in quelle cose non essere spregiato, ma
è cosa conveniente Tenerne primieramente lodato,
e di. poi ancora elsere imitato. Laonde ci bilb-
gna elsere severi, e più che lì può diligenti dupli-
catori delle cose, ed è da avvertire, sì che e'non
vi li melcoli cosa alcuna che non (ìa eccellente e Io-
data grandemente ; sì ancora che tutte le cose
scambievoimente infra loro concorrano con dignità
e grazia, inlìno a tanto che tutto quello che tu
vi volellì aggiugnere o mutare o levare, vi Itene
peggio, e folle maggior mancamento. Ma di
quelle cose, io te lo ridico dì nuovo e da capo, fa
che ne sia moderatrice la prudenza ed il conlìglio
di coloro che di ciò sono più amniacllrati, che
l'abbiano ad approvare con alcuno retto e sin-
cero

Book II. 22

•eternal Felicity of the Empire, and a Succedimi
of Princes all inclined to the lame Works. These
Considerations being granted, we ought to renerei
duly upon all the particulars before-mention'd,
that is to lay, what Work we undertake, the
Place we are to build in, and what the Person is
that is to build ; and to contrive every thing ac^
cording to his Dignity and Necelhties, is the part
of a discreet and prudent Architect1.

Chap. III.

That having conssicted the whole
Disposition os the Building in all
the Parts os the Model, ve ought
to take the advice of prudent and
undcrstandiug Men, and besore
ree begin our Work, it itili not
only be proper to know how to
raife Money sor the Expcncc, hut
also Ions; besore-hand to provide
all the Materials sor completing
fuch an Undertaking.

ilAving weigh'dandconsider'd thesc things,
you mult proceed to the Examination
of the reti, whether each of them be
perfectly contriced and conveniently
disposed in its proper Place. And to do this
effecliially, it is neceisary you shou'd be full of
this Persuasion, all the while you are meditating
upon thesc things, that it will be a Scandal to
you, if as far as in you lies, you suffcr any other
Building wirli the same Expence or Advantages
to gain more Praise and Approbation than your
own. Nor is it susficient in these cases to be only
not despised, unlets you are highly and principally
commended, and then imitated. Therefore \vc
ought to be as severe and diligent as pollible in
our Scrutiny of every particular, as welt to suller
nothing but what is excellent and elegant, as to
have all things mutually concur to make the
whole handsome and beautiful, insomuch thac
whatever you attempted to add, or retrench, or
alter, lhou'd be for the worie and make a defeat.
But herein, I repeat my Advice, let your Alode-
rafor be the Prudence and Counsel of the molt
experienced Judges, whole Approbation is
founded upon Knowledge and Sincerity : because
by their Skill and Diredlions you will be much

more
loading ...