Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 28r
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0084
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
and toun^

>'.' fa Ttec
IpeciaHy r,

the Ebon»

tl ! J. ..

the Siilo»,
'■e Elder, at I
Dryness Sl |

receiving 51J

ararer,

f the P;......

iy under tU
ner of Formi,
:se sor Tract
ndA. l
e Jubol Tret

ich will 1 ;•'. r

r Wood of tit
nner of Gl ;:

De in all I,;:-

, dista. waj

close body, »
ne; ani '■'
:?, us tie Iij
eh ;ire hot, l
t places,
icver hold lot,

the Mi
do noi
der, which «
;re so f.;r W»
in their Natl

place them n*
son H/r- «

Beech anJO*

O'

Lmito II.

Cap. VII.

Degli Alberi ancora sonimariamente
ed in gcncr.de.

A per parlare di tutti sin quello luogo)
iòinmariamcnte. Tutti gli Autori di-
cono che gli Alberi che non fanno frut-
to, sono più {aldi e fermi ; che quelli
che Io fanno : e che i salvatici non coltivati
da mano o da ferro ; son più duri che i do-
inellici ; e Teosrasto dice che i salvatici non
calcano mai in infermità che li faccia seccare.
I domcllici, e quelli che fanno fruttò, son
l'ottopodi a gravillìme infermitadi ; ed infra
quei che fanno frutto, quelli che Io fanno
piìi predo, che quelli che lo fanno più sero-
tino, ed i dola son più deboli, che gli acidi :
ed infra gli acuti ed aipri, pensano che iiano
più sodi quelli che fanno piìi di rado, e più
acerbo il frutto. Quelli che sanno frutto di
due anni l'uno, e quelli che sono del tutto
{levili, anno più nodi, che quelli che fanno
srutto ogn' anno. E di quelli quanto cias-
cuno è più corto, tanto è più dirficile ; e
gli llcrili creiamo più che i fertili. E di più
dicono che quelli che cresceranno allo (coperto,
senza edere difesi da alcun Monte o sclva ;
ma agitati da spellì Venti e Temperie, saran-
no più fermi e più grolh ; ma più corti, e
più nodosi, che quelli che creseeran fra due
Valli, o in luogo sicuro da Venti. Pensano
ancora che gli alberi nati in luoghi umidi ed
ombrou, sieno più teneri, che i creseiuti in
luoghi pili aperti e più akiutti : E che quelli
che naseono verso la Tramontana, srano più
atti, che quelli che naseono verso Olirò. E
gettano via come [conciature gli alberi che nas-
eono in luoghi contrarj alla loro natura : Ma
quelli che naseono verso Mezzodì, son molto
duri, si torcono però nel midollo, né son di-
ritti o uguali a metterli in opera. Oltra di
quello, quelli che sono aridi per loro natura,
e tardi al creicele, son più l'orti che quelli,
the lonii fecondi. Vairone si pensava che al-
tri alberi avedìno natura di marchio, ed altri
di semina : E che i legni bianchi fodero manco
serrati e più trattabili, che gli altri di qual li
voglia ahro colore : e sono certo tutti i legnami
gravi più serrati e più duri che i leggieri, e
quanto uno è più leggiero, tanto è più sragile, e
quanto sono più crelpi, tanto sono più fotti. Ed

Book IL 2S

Chap. VII.
Of Trees more Jnmmarily.

UT to speak of all these more sum-
marily. All Authors are agreed that
Trees which do not bear Fruit are
ilronger and sounder than those which
do; and that the wild ones, which arc not cul-
tivated either with Hand or Steel, are harder
than the domellick. Theopbrajius says, that the
wild ones never fall into any Insirmities that kill
them, whereas the domellick and Fruit-bearers
are subjefl to very considerable Infirmities ; and
among the Fiuit-bearers thole which bear early
are weaker than those which bear late, and the
sweet than the tart ; and among the tart ones,
such are accounted the firmed, that have the
sharpcll and the lead Fruit. Those that bear
Fruit only once in two Years, and those which
are enrirely barren, have more Knots in them
than those which bear every Year ; rhe lhortell
Likewise are the hardesl, and the barren grow
fader than the fruitful. They say likewise that
such Trees as grow in an open place, unfiielter'd
either by Woods or Hills, but ihaken by frequent
Storms and Winds, are Ilronger and thicker, but
at the same time Ihortcr and more knotty than
such as grow down in a Valley, or in any other
place defended from the Winds. They also be-
lieve that Trees which grow in moid Ihady places
are more tender than those which grow in a dry
open Situation, and that those which {land e\pc-
sed to the North are more serviceable than those
which grow to the South. They rejefl, as abor-
tive, all Trees that grow in places not agreeable to
their Natures, and tho' such as Hand to the
South are very hard, yet rhey are apt to warp
in their Sap, so that they are not ilrait and even
enough for Service, Moreover, those which are
in their Natures dry and slow growers, are
Ilronger than those winch are modi and fruitful ;
wherefore Varrò suppos'd that the one were Male
and the other Female, and that white Timber
was less close and more tractable than that which
has any other Colour in it. It is cert;.in that
heavy Wood is harder and closer than light; and
the lighter it is, the more brittle ; and the
more knotty, the ilronger. Trees likewise \\ hich
Nature has endu'd with the longesl Life, (he has
also endti'd with the Property of keeping longed

tiom
loading ...