Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 30r
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0088
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
. toa« 'litre

learnt (m

tanto più è cruda ; ed ogni pietra quanto più è
grave,' tanto è più salda, e piglia miglior puli-
mento che la leggiera : Tutte le più leggiere,
stropicciandole, li disfanno più facilmente che le
gravi : Quelle che battute Inoliano meglio, son
più ienatc che le sonie : Quella pietra che lìro-
picciata o fregata fortemente saprà più di zolfo,
sarà più forte, che quella che non ne saprà
punto : e finalmente quanto piìi saranno re-
lillenti allo ('carpello, tanto iaranno per ciò più
collanti e più rigide, contro le ingiurie delle
Temperie. Dicono che quelle Pietre che si
mantengono in maggiori pezzi in bocca delle, ca-
ve, son contro le Temperie più ferme che le
altre ; ogni pietra ancora è più tenera, quan-
do e^e della Cava, che quando poi ella è
Hata allo seoperto: E bagnata da umore, o
molle da Acqua, è più trattabile dal ferro ; che
quando è aseiutta: e ciaseuna pietra di quanto
più umido luogo della Ina cava tara cavata, tan-
to sarà poi, raseiutta, piu serrata : e pendino
che le pietre il lavorino più facilmente tirando
Olirò, che quando sollia Tramontana, e quando
tira Tramontana si fendono più facilmente che
tirando Olirò. Ma sé e' ti piacerà far la prova
del come debbano per l'avvenire riuseire le pietre,
te ne avvedrai da quello. Se quella che tu ba-
gnerai nell' acqua, creseerà di assai peso ; ella si
risolverà per lo umido. E quella che tocca dal
foco e dalle fiamme si disfarà, non reggerà né a
Soli né a Caldi : Né penso che in quello luogo
siali da lasciare in dietro alcune cose degne di
memoria, lequali raccontano gli Antichi di alcune
Pietre.

Coot li.



crude. All heavy Stones are more solid and
calìer to pollili than light ones, which upon
rubbing is much more apt to come off in
Flakes than such as arc heavy. That which
upon being llruck gives the bell Sound, is doler
made than that which sounds dull ; and that
which upon strong Friclion smei Is of Sulphur,
is ilronger than that which yields no sniell at
all. Laslly, that which makes the moll Re-
sinance againsl the Chizzel will be moll firm
and rigid againll the Violence of Storms. They
say that those Stones which hold together in
the larger! Scantlings at the Mouth of the Quar-
ry, are firmer! againss: the Weather. All Stone
too is sotter when it is just dug up, than after it
has been ionie time in the Air, and when it b
wetted, or softcn'd with Water, is more yielding
to the Tool than when it is dry. Alio such
Stones as are dug out of the moillelt part of the
Quarry, will be the closeil when they come to
be dry ; and it is thought that Stones are easitr
wrought in a South-wind than in a North, and
are more apt to split in a North-wind than in a
South. Bur if you have a mind to make an Ex-
periment how your Stone will hold out againll
Time, you may judge from hence: If a piece
of it, which you soak in Water, increases
much of its Weight, it will be apt to be rot-
ted by Moliture ; and that which Hies to pieces
in Fire, will bear neither Sun nor Hear. Nei-
ther do I think that we ought to omit here
some things worthy memorial, which the An-
cients relate of sonie Stones.

Cat.

C H A P.
loading ...