Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 43v
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0118
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L I B R O III.

hnnci a mettere ordini di colonne: l'altra si
ttspeft» a quello che noi tisiamo ne' luoghi ma-
rittimi, dove non si à modo di trovare o tetre
come tu voiTclti la laidezza del Terreno. Delle
cose Marittime tratteremo allor quando tratte-
remo del l'orto e del Molo da collocarli nella
profondità del Mare: Perciocché quello vera-
mente li aspetta non all' opera di tutti gli edi-
fici, della qual cosa noi parliamo in quello
luogo, ma ad una certa partieolar parte della
città, della quale tratteremo insieme con le al-
tre cose del silo genere, quando membro per
membro, tratteremo di simili opere publiche.
Nel fondare sotto gli ordini delle colonne, non
fa meltieri tirare a dilungo una folTa tutta con-
tinuata ripiena di muraglia, ma è cosa conve-
niente fortificar prima il luogo dove tu vuoi
porre le sedi ed il letto di esse colonne : e
dall' uno all' altro poi gittare archi, voltando
il dorso di qual s'è l' uno, verso il profondo,
di modo che il recinto, e lo spazzo del pri-
mo piano, serva per corda di detti Archi. Ve-
dine l'esempio al Rame della pag. 41. a let. B. Per-
ciocché stando cosi, saranno manco pronte a fo-
rare il Terreno in un luogo solo, portivi so-
pra e di qua e di là più peli, per li fortifi-
camenti degli Archi che in quello modo sé
gli contraporranno. E quanto le Colonne si-
eno atte a forare il Terreno, e quanto elleno
sieno pericolose, ed aggravate da i pesi polli-
vi sopra; lo dìmostra la cantonata del nobil
Tempio di Vespasiano, eh' è volta verso l'oc-
cidente ellivo. Perciocché avendo voluto las-
ciare sotto vuota la via publica, da potervi pas-
sare, che veniva occupata dalla cantonata, in-
tralasciando alquanto di spazio della pianta, e
adattata alla muraglia una Volta, lasciarono essa
cantonata quasi che in modo d'un pilastro a lato
alla via, e la fortificarono con saldezza di opera,
e con ajuto d' un' barbacane. Ma quella final-
mente sforzata dalla gravezza di si grande Edificio,
e mancandole sotto il Terreno, si pelò. E di
questi sia detto a baslanza.

Book IH.

in all manner of old rubbifii, and any thing anf
to moulder. There are also other sorts f
Foundations ; one belongs to Porticoes, ariJ aii
other Places where rows of Columns are to be
set ; the other to Maritime Places, where wo
cannot pick and chuse the goodness of our bot-
tom as we could wilh. Of the Maritime we will
consider tvhen we come to treat of makin" of
Ports, and running Moles out into the Sea ■ be.
caute these do not relate to the general Work of
all manner of Buildings, which 'is the subieft of
our discourse here, but only to one particular
part of the City, which we lhall treat of together
with other things of the like nature, when we
give an account of all Publick Works Member by
Member. In laying Foundations tinder Rows os
Columns, there is no occasion to draw an even
continued line of Work all the way without in.
terruption ; but only firsl to slrengthen the pla-
ces you intend for the seats or beds of your Co-
lumns, and then from one to the other draw-
Arches with their backs downwards, so that the
plane or level of the Area will be the chord of
those Arches ; as you may see by the Plate of the
Page4i. let. B. For (landing thus, they will be less
apt to force their way into the Earth in any one
place, the weight being counterpois'd and thrown
equally on both sides on the props of the Arches.
And how apt Columns are to drive into the ground,
by means of the gteat preslure of the weight laid
upon them, is nianifell from that Comer of the
noble Temple of Velpajitm that Hands to the North-
Well. For being desirous to leave the publick
way, which was interrupted by that Angle, a free
and open passage underneath, they broke the Area
of their Platform and turn'd an Arch againll the:
Wall, leaving that Corner as a sort of Pilaster on
the other side of the passage, and fortifying it, as
well as possible, with stout Work, and with the
assistance of a Buttress. Yet this at lad, by_ the
vail weight of so great a Building, and the giving
way of the Earth, became ruinous. But let this
sufrice upon this head.

Cap.

Chap-
loading ...