Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 47v
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0126
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
URO

III.

per difetto Jcl Maestro, o per altro accidente, co-
minciane in tutta quella Binatura ad avvallare,
non abbia a tirarli Cubito addoiTo il pelo delle al-
tre cole che di l'opra l'aggravano, ma abbiano le
cole di sopra quali una nuova baie da fcrmarvisi.
Ultimamente ne avvertikono, il che appretto di
tutti gli Antichi veggo molto enervato, che
ne' Ripieni non li mettano pietre che pallino di
pelo la libra, perciocché e' perdano che le minu-
te si unisicano più facilmente, e si pareggino me-
«lio alle giunture, che le grandi. E faccia a
quello proposito quello che appretto Plutarco si
legge del Re Minos : Perciocché avendo colini di-
visa la Plebe in arti, teneva per cola certa, che
ogni corpo in quante più minute parti tutte di-
viso, tanto più facilmente ed a suo piacere si
potette maneggiar' e trattare. Non penso già
che lia da firmar poco, che tutte le concavità si
debbano riempire, e che e' bisogni in ogni mi-
nimo luogo rinzaftàrc, sì per altri conti, sì an-
cora perchè gli animali non vi pollano entrare a
far nidi, e che ragunatevisi immondezze e semi,
naseane per le mura sichi salvatichi. Egli è cosa
incredibile a dire, quante gran moli di pietre, e
quali Malli ò vitto sinollì da una sola radice d'u-
na pianta. Tutte quelle cose adunque, che tu
ai a murare, si debbono e legare e riempiere dili-
gentissìmamente.

Book III.

that if any part of the Stusfing, cither tliro' the
fault of the Workman, or by Accident, hap.
pen'd to sink, it could not pull every thim»
elle along with it, but the Weight above had
in a manner a new Basis to rest upon. Last.
ly, we are taught what I find constantly obser-
ved among the Ancients, never to admit any
Stone among our fluffing that weighs above a
pound, because they suppose that small ones unite
more easily, and knit better with the Cement
than large ones. It is not altogether foreign to
our purpose what we read in Plutarch of King
Minos, that he divided the Plebeians into severai
dalles, according to their severai professions, upon
this principle, that the smaller the parts are a
Body is split into, the more easily it may be go-
verned and managed. It is also of no little con-
scquence to have the hollow complcatly fill'd up,
and every the least crevice close llopt, not only
upon the account of Strength, but likewise to hin-
der any.Animals from getting in and making their
Nests there, and to prevent the gathering of Dirt
and Seeds, which might make Weeds grow in the
Wall. It is almost incredible what huge weights of
Stone, and what vast Piles I have known moved
and opened by the tingle Root of one Plant. You
mutt" take care thetefore to let your whole Stru-
cture be girt and fill'd compleatly.

A P.

IX.

De Recìnti di pietra, del legamen-
to, e del sortisicamento delle cor-
nici, ed in che modo si serrino
insicme molte pietre, per saldcz-
%a del mitro.

NFRA i Recinti, si mettono, in ol-
tre, alcuni legamenti di Pietre maggio-
ri, che legano insieme le corteccie di
fuori, con quelle di dentro, ed allacci-
ano gli ottanti con gli altri ottimi, come son quel-
li che dicemmo si dovevano mettere ad ogni cin-
que piedi. Sono ancora altri Recinti di Mura, e
quelli in vero principali, che si tirano per tutta

la lunghezza del

a muraglia, pe

abbrac

cantonate, e per fortificamento dell' Opra : Ma
quelli ultimi li tanno più di rado, ed in un muro
solo non mi ricordo averne mai vitti in alcun
luogo, le non due, o alcuna volta tre. Ed il
Sito e la principale lor sede, è la cima della
muraglia, come cornice di ella, a renderla quali

immune

ChXp. IX.

Of the Girders of Stone, os the
ligament and fortisication os the
Cornices, and bow to unite se-
verai Stones sor the Strengthening
of the Wall.

MONG the Girders we reckon those
courses of large Stones which tie the
outward Shell to the inward, and
which bind the Ribs one into the other,
suel] as are thole which we laid in the last Chap-
ter ought to be made every five foot. But there
are other Girders belidcs, and those principal
ones, which run the whole length of the Wall
to embrace the Corners and strengthen the
whole Work : But thele latter are not so fre-
quent, and I do not remember ever to have
seen above two, or at moll three in one Wall.
Their place is the Summit of the Wall, to be
as it were a Crown to the whole, and to per-
sorm the same lervice at the top which the

other
loading ...