Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 57v
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0149
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L I 8

R O

in.

me in cambio di Assi, si metteranno per la Iun1
ghezza de' Correnti, Pianelle di Terra cotta, con
gesio ; e lì difenderanno sopra le dette pianelle
gli embrici, sermandoli con calcina ; qucsto lave
ro fera iicnrillimo contro a' fuochi ; e a' bisogni
degli Abitatori accommodatillìmo, e sarà di mi-
nore spesa, sé in cambio di pianelle, vi metterai
canna greca, e la fermerai con calcina. Io non
vorrei che tu adoperassì gli embrici, e massìme
quelli che tu vuoi mettere a calcina negli edificj
publici ; sc e'non fu siero fiati prima due anni a
{apportare i Ghiacci e i Soli : perchè sé vi si
porranno che e' non sieno sofrkienti; non si leve-
ranno di tale muraglia senza spesa non piccola.
Sovvienimi quel che ò letto in Diodoro Istorico,
de' celebrati Orti di Siria in palco : Invenzione
nuova, e non disutile : perciocché sopra le travi)
posero canne impiastrare di Asfalto ; e sopra vi
lucisero due suoli di mattoni cotti, 1' un sopra 1'
altro, fermi con gesio : nel terzo luogo vi mene-
rò Embrici di piombo in modo satti e congiunti
insieme ; che a' primi mattoni non poteva pene»
trare giamai umidità alcuna.

Book llL

will be a covering Very sedire against Fire ani
very commodious to the Inhabitants ; and it
will be less expensive, if insiead of squares
you underlay it with Reeds, bound with Mor-
tar. I wou'd not have you use your Tiles
and espccially those which you lay with Mor»
tar, in Public Works, till they have stippors
ed the Frost and Sun two Years; because, if
you happen to use any bad ones, there is
no taking them out again without a good
deal of trouble, and expence. It may not
be amiss here to mention what I have read
in Diodorui the Historian, relating to the fa-
mous hanging Gardens in Syria, which were
contrived with a new, and not unuseful In-
vention : For upon the Eeams they laid
Rulhes dawb'd over with Pitch, and on these
two Rows of baked Bricks, one above the
other; cemented with Mortar ; and in the third
place, they laid Plates of Lead so disposed,
and Fasten'd together, that not the leali wet
cou'd penetrate to the Brick.



Cap. XVI.

De Pavimenti secondo T opinione
di Plinio e di Vitritvio, e secon-
do T opere degli Antichi,, e quali
sieno i Tempi buoni per Comin-
ciare e terminar le varie sorti
delle Opere.

RATTE REMO ora degli Smalti o
Pavimenti i quali iono ancora della
natura de' tetti. Di quelli, alcuni
sono allo seoperto, alcuni sono di
travate, e alcuni no: amendue bisogna che ab»
biano un Piano finito e saldo, tirato secondo
le sue linee, sopra il quale si pongano. Quelle
superfìcie che saranno allo seoperto, bisogna
che si rilevino in modo; che almeno a ogni
dieci piedi, abbiano di pendìo due dita, onde 1'
acque portano scolandosi, raccorsi nelle Citerne o
nelle Fogne. A quelle fogne, sé elle non si po-
tranno mandare o in mare o in fiumi ; cava loro
pozzi in luoghi commodi, insino che tu ritrovi 1'
acqua viva, e riempi intorno la fosia di ciottoli.
E sé finalmente non potrai fare qucsto; si faccia-
no folle capaci, e vi si mettano carboni, dipoi

si

Chap.
Of Pavements

XVI.

according to the
opinion os Pliny and Vitruvius,
and the works of the Ancients;
and os the proper Seasons for
leginning, and siniflnng the seve-*
ral parts os Building.

E come now to treat of Pavements,'
which also partake somewhat of the
nature of Coverings. Of these, sonie
are open to the Air ; others are laid
upon Rafters and Boards, others nor: All re-
quire for their Foundation a solid, and even
superficies, laid exaflly according to their pro-
per lines. Those which are open to the Air
outfit to be railed in such a manner, that
every ten foot may have a declivity of, at leali,
two inches, to throw oft" the water, which oughc
to be conveyed from thence either into Cisternsj
or Sinks. If from these Sinks you have not the
conveniency of a drain, either into the Sea, ot
some River, dig Pits sor the Soil in conveni-
ent Places, so deep as to come to sonie sprine
of water, and then fill vip those Pits with round

Pebbles.
loading ...