Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 70r
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0174
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile


IBRO

IV;

e spcditillìmc da ogni impedimento o d' acqua ò
di rovine. Non vi si lascino per niente Nascon'
digli o Ritirate di sorte alcuna, dove gli Alsalìini
pollano, stando a gli agnati, far villania: Non vi
sieno da cjual banda si voglia, or qui or là, Aditi
aperti, atti alle prede. Finalmente debbe essere
diritta e brevillima: larà più di tutte l'altre bre
viisnna non quella, come il dice, che sarà la più
dritta, ma bensì quella che sarà la più sicura: Io
la veglio piuttollo alquanto più lunga, che meno
eommoda. Sono alcuni che credono che la cam-
pagna di Piperno, iìa più d' ogn' altra sicura, es«
sendo ella segata da vie profonde, come Cavate
Folte, ambigue nell' entrarvi ; incerte al cammi»
narle ; e mal lìcurc, per le soprastanti ripe, dal
disopra delle quali può fi talmente edere il nemico
acciaccato. I più pratichi pensano che quella sia
ìa più sicura ; che pareggiata, lì tira su per la stic
na delle collinette. Doppo questa, seguita quel-
la che fatta (opta un' argine, si dirizza per la cam-
pagna, secondo il modo antico: Anzi gli Antichi
per questa cagione la chiamarono Argine. E cer-
tamente la così fatta presterà di sé molte commo»
dita ; conciosiachè alleggerirà molto la fatica, e
la molellia de' Viandanti ; mediante il piacere del
guardare all'intorno, mentre cammineranno sopra
il rilievo dell' argine ; Oltra che grandemente im-
porta il vedere 1' inimico da lungi, e l'avere com-
modità o da potere con poca moltitudine farlo
ritirare indietro, o da poterli cedere senza alcun
danno de* tuoi, sé per sorre ei vincelTe. E torni*
ci a propolìto, quel che ò notato nella via che va
a Porto : Conciosiachè concorrendovi d'Egitto, d'
Africa, di Libia, di Spagna, della Magna, e del-
le Isole, una moltitudine infinita d'uomini e Una
grandillima quantità di Merci ; vi fecero la strada
doppia, e giù per il mezo v' era un filare di Pie-
tre rilevate a guisa di un termine che sopravan-
zava un piede ; acciocché dall' un lato andassero,
e dall' altro tornassero, schifando il darsi noja nel
liseontrarsi. Tale bisogna che fuori della Città
sia la strada maestra, spedita, dritta, e sicurilsima.
Arrivandosi alla Città, s' ella sia nobile e potente;
è ben giusto eh' eli' abbia le vie dritte e larghilìì-
me, che arrechino alla Città Grandezza e Maesta-"
de : Ma s' ella sarà una Terricciola, overo un
Castello ; ne presterà sicurillima Entrata quella
via che non andrà così a drittura alle Porte,
girando or da delira or da sinistra presso alle
mura, e massìme infin sotto a' Torrioni : Dentro
alla Terra poi non iìa dritta, ma come un fiume
torcasi più e più volte in verso 1' una parte e
1' altra, perciocché, oltra che nel parere più lun-
ga; accreseerà in quel luogo 1' opinione della

grandezza

B o o k IV* 70

any iort for rogues to hide themselves in, nor
too many cross roads to favour their villanies :
lastly, they ought to be aB strait, and as short aa
pollible: I do not reckon the stiortcst way to be
always that which is tile straitcst, but that which
is the safest: I wou'd rather chuse to have it
somewhat the longer, than to have it inconveni*
ent. Some think the country of Pipano the mod
secure of anys because it is cut through with deep
roads almost like pits, doubtful at the entrance;
uncertain in their pallage, and Unsafe upon ac-
count of the ground which lies above them, from
whence any enemy may be prodigioussy insested;
The menjjf bell experience think that way the
most secure, which is carried over the backs of
small hills, made level. Next to this are such
as are made through the Fields upon a high rais-
ed bank, according to the manner of the And'
ents, who indeed upon that account gave them
the name of aggetti, or high-ways. And it is
certain such railed Causeys have a vail many con-
veniences: it relieves the traveller from the fatigue
and vexation of his journey, to enjoy a fine pros-
peft from the heigth of the causey all the way as
he travels; besides that, it is a great convenience
to be able to perceive an enemy at a good distance,
and to have iiich an advantage as either to be able
to repel them with a small force, or tei retire
without loss, if you find they are the stronger.
There is a great convenience, not at all foreign
to our purpose, which I have observed in the
Road that goes to the Port of Ojlia. As there
is a Vasl concourse of People, and great quaiv
tities of merchandize brought thither from /Egypt,
Asrica, Lykia, Spain, Germany, and the Isiands^
the road is made double, and in the middle of
it is a row of (lones, Handing tip a foot high
like Terms, to direct the palVengers to go on
one side, and return on the other, so to avoid
the inconvenience of meeting one another. To
conclude, such Ihoti'd be the Ways out of the
City ; fliort, strait and secure. When they come
to the Town, if the City is noble and powerful,
the streets shou'd be strait and broad, which car-
ries an air of greatness and majesty : but if it is
only a small Town or a Fortification, it will be
better, and as safe, not for the streets to run
strait to the Gates; but to have them wind about
sometimes to the right, sometimes to the lest;
near the wall, and especially under the Towers
upon the wall : and within the heart or the town,
it will be handsomer not to have them strait, but
winding about leverai Ways, backwards and sor-
wards like the course of a river. For thus, be-
sides



J
loading ...