Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 71r
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0176
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Libro IV*

B o o k IV.

71

I

C<

A P.

VI.

De Ponti di legno e di pietra, e del
Situarli. Delle Pile, Volte, Ar-
chi, Cantonate, Ripe, Serragli,
Spranghe, Lassricatura, e Rilevo
loro.

H A P.

VI.

Of Bridges loth os Wood and Stone,
their proper situatiou, their Peers,
Arches, Angles, Feet, Kcy-ftones,
Cramps, Pavements, and Slopes.

L Ponte coltamente è parte principalis-
sima della Strada. Ne sarà ogni luogo
commodo a farvi Ponti, perciocché ol-
tra che e' non è conveniente lasciarlo
fìtto in una elìremità di un rinchiuso cantone,
per commodità di pochi, ma bisogna die lia nel
mezzo del paese per li bisogni dello Univerlale ;
egli certamente si debbe situare in sito facilillimo da
finirlo con non grandiilmia spesa ; e da sperare
eh' egli abbia quali ad elTervi eterno. Debbesi a-
dunque eleggere un guado che non sia de'più pro-
fondi, nò de'più scotceii; che non si vada varian-
do, uè movendo ; ma ilia uguale iempre, e da
durare. Debbonsi fuggire i Vortici i Gorghi le
Voragini e cose limili che ne' cattivi fiumi si tro-
vano. Debbonsi ancora principalmente schifire i
gomiti delle ripe, sì per molte cagioni, (essendo le
ripe certamente in quello luogo molto sotto-
polle al rovinare,) sì ancora perchè i legnami,
i Tronconi e gli alberi che dalla campagna
levati, son portati giù dalla Piena; non possono
passare per elsi gomiti a dritto, per cammino spe-
dito, ma li attraversano e si avviluppano, impe-
dendosi 1' un 1' altro, e accollatili alle Pile; fanno
una grandilìnna masia, onde riturate le vie, gli
archi de' Ponti rari lotto: di maniera che, tale
Edificio per il pondo delle impetuosisiìme acque iì
guada e rovina. Ala de' Ponti* ne sono alcuni
di Pietra, alcuni di legname. Diremo prima di
quelli che il fanno di legno, come più facili a met-
terli in opera : Di poi palleremo a trattare di
quegli che li fanno di Pietra. Bisogna che amen-
due sieno fortillìmi. Quello che fia di legname
■dunque, li fortificherà con grande e gagliarda ab-
bondanza di legnami ; e che tal cosa si consegniica
eccellentemente; ne darà grandillimo ajuto il Pon-
te di Cesare, il quale ne insegnò il modo di farlo
in quella maniera. Hgli congiugneva insieme due
legni discoslo 1' uno dall' altro due piedi, (mini-
rati all' altezza del fiume) grolli tre quarti di brac-
cio, et aguzzati alquanto da basso: Quelli metteva
egli nel fiume con certi Illrumenti, ficcandoli a

cuilello,

|HE. Bridge, nò doubt, is a main part
of the Street; nor is every part of the
City proper for a bridge: for belides
that it is inconvenient to place it in a
remote corner of the town, where it can be of
lise but to few, and that it ought to be in the ve-
ry heart of the City, to lie at hand for every bo-
dy; it ought certainly to be contrived in a place
where it may ealily be creeled, and without too
great an expence, and where it is likely to be the
most durable. Ve Ihould therefore chuse a ford
where the water is not too deep ; where the lliore
is not too lleep ; which is not uncertain and move-
able, but conslant and lailing. We should avoid
all whirl-pools, eddies, gulphs, and the like in-
conveniences common in bad rivers. We Ihould
also moll; carefully avoid all elbows, where the
water takes a turn ; for very many reasons; the
banks in such places being very liable to be broken;
as we see by experience, and because pieces of
timber, trunks of trees, and the like, brought
down from the country by storms and Hoods,
cannot swira down Inch elbows in a strait line,
but turn aslant, meet and hinder one another,
and lodging againlt the Piles grow intoa great heap,
which Hops up the Arches, and with the additio-
nal weight of the water at length quite breaks
them down. Of Bridges, sonie are of doma
others of wood. We lliall speak fir st of thole
which are of wood, as the moil eaiy of executi-
on ; next we silali treat of those which are built
of Hone. Both ought to be as strong as possible ;
that therefore which is built of wood, mull be
fortified with a good quantity of the slroneeil
Timbers. We cannot give a better example of
this sort of bridges than that built by Julius Csf.u;
which he gives us a deleription of himlelf, as fol-
lows: He fattened together two Timbers, leaving
a dillance between them of two foot ; their lenirli
was proportioned to the depth of the Kiver, and
they were a loot and a half thuk, and cut lharp



at the ends.
O o

These he let down into the river
with

-<
loading ...