Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 71v
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0177
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I B R O

IV.

cartello, non dritt: a piombo a guisa di pertiche;
nu a pendio, ritirandoli attonito dilopra, thè
iendessino secondo il corso del Fiume. Rincon-
tro a quelli dipoi ne ficcava due altri, congiunti
insieme nel medesimo modo, con intervallo da-
basso di quaranta piedi ; volti contro alla sorza e 1'
Impeto delle acque : fìtti 1' uno e 1' altro di que-
lli, così come noi abbiami) detto, gli congiugneva
inlicme, mettendovi sopra travi, gioite due piedi,
e lunghe quanto era la distanza di essi confitti le-
gni. ' Quelle così polle travi erano dalla parte di
fuori ("ottenute da due legature, per le quali aggi-
rate attorno, e in la contraria parte ripiegate, era
tanta la fortezza dell' opera, e tale la natura di sì
satte cole; che quanto maggiore vi lì fulle incitato
l'impeto delle acque, tanto piti llrcttaniente le tra-
vi po'sicvi sopra lì ferravano inlicme. Sopra que*
/te, polìcvi altre legne s' intrecciavano, e vi lì
fiiceva sopra un piano di pertiche e di graticci. Iti
un medelìmo tempo lì mettevano dalla parte di
sotto del fiume, alcune travi più lottili a pendio;
le quali portevi in cambio di Ariete, e congiunte
con tutto lo edifìcio, reiistelìmo all' impeto della
Corrente. E lì mettevano altre travi ancora con
mediocre intervallo dal lato di sopra del l'onte, che
avanzavano di poco l'altezza del fiume: acciocché
le da i nemici fulìino mandati o Tronconi di ar-
bori o Navi giù per il fiume, per rovinar detto
Ponte ; si scemalle mediante la difesa di dette tra-
vi la violenza delle dette cose, e non poteisino
nuocere "al Ponte. Quelle cole ne insognò Cesare.
Ne sarà fuor di propolito, quello che e' coltuma-
rono a Verona, di iallricare i ponti di legno di
Verghe di ferro, e malììme da quella parte dove
anno da panare le carrozze ed i carri. Restaci a
trattare del ponte che lì fa di pietre, le parti del
quale son quelle. I Fianchi delle Ripe, le Pile,
le Volte, e la Lastricatura ; tra i Fianchi delle
ripe, e le Pile, vi è quella difserenza, che i Fian-
chi bisogna che sieno oltre modo gagliardillìmi,
atti non (blamente a sollenere il pelo degli archi
pollivi sopra, come le Pile, ma che sieno molto
più gagliardi a sollenere le telle del ponte, e a
reggere contro al pondo degli Archi ; di maniera
che non h aprano in luogo alcuno. Debboniì
adunque andare scegliendo le Ripe di pietra, con-
ciolìaché le sono le più llabili, alle quali tu debba
fidare le l'elle de'ponti : e le Pile lì fanno più o
meno, secondo la larghezza del fiume. Gli archi
in cafso, oltre the dilettano per il numero, gio-
vano ancora alla {labilità ; conciolìachè quanto il
Dritto del corso del fiume è più lontano da' Fian-
chi delle ripe ; tanto è più spedito: e quanto è più
s[edito; tanto più veloce corre via: Quello adun-
que

Book IV.

with Cranes, and drove them Well in with a sort
of Rammers, not perpendicularly down like piles
but Canting upwards ami giving way according t„
the current of the River. Then, opposite to
these, he drove in two others, Ssterted together
in the same manner, with a diflance between
them at bottom of forty foot, Hinting contrary
to the force and current of the stream. When
these were thus fixed, he laid a ero si, from one to
the other, beams of the thicknessof two soot, which
was the dislance left between the Timbers drove
down; and fattened these Beams at the end, each
with two braces, which being bound round and
fattened of opposite .sides, the sbength of the
whole work was so great and of silch a nature,
that the greater the force of water was which
bore againll it, the closer and firmer the beams
united. Over these other bearne were laid across
and fattened to them, and a ssoor, as we may
call it, made over them with poles and hurdles.
At the lame time in the lower part of the River,
below the bridge, other timbers, or doping piles,
were driven down, which being fattened to the
rell of the llrucdure, Ihou'd be a kind of buttress
to resill the force of the stream: and other piles
were also driven in at a sinali dislance above the
Bridge, and Handing lomewhat above the water,
that if the enemy Ihou'd send trunks of Trees, or
VesTcls, down the stream, in order to break the
Bridge, those piles might receive and intercept
their violence, and prevent their doing any pre-
judice to the work. All this we learn from dj.tr.
Nor is it foreign to our purpose to take notice of
what is praciised at Veroni'., where they pave their
wooden bridges with bars of iron, especially where
the wheels of Carts and Waggons are to pass. It
remains now that we treat of the Stone-Bridge,
the parts whereof are these : The Banks of the
shore, the Peers, the Arches, and the Pavement.
Between the Banks of the shore and the Peers, is
this difference, that the Banks ought to be by
much the ilrongelr, inasmuch as they are not on-
ly to support tile weight of the arches like the
Peers, but are also to bear the foot of the bridge,
and to bear againll the weight.of the arches, td
keep them from opening in any part. Ve ought:
therefore to be very careful in the choice of our
shore, and to find out, if pollible, a rock of solid
Hone, since nothing can be too llrongthat we are
to intridi with the feet of the bridge; and as to
the Peers, they mult be more or le» numerous in
proportion to the breadth of the River. An odd
number of Arches is both moll pleasant to the
sight, and conduces also to slrength ; for the far-
ther
loading ...