Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 75r
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0185
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Libro IV.

sellevate dal fiume, acciocché per Io Piene non sie-
no ripiene dal fango, ne' riturate dalla mota. I'er
quelle che avessino a stare (coperte, saremo con-
tenti, lenza Iailriearle, dello ignudo Terreno,con-
ciona che i Poeti chiamano la l'erra il Cerbero, e
i Filososi il Lupo degli Dei ; perciocché ella con-
sinila ogni cola, e ogni cola divora. Quelle spor-
cizie e brutture adunque, che vi si aduneranno,
mangiandosele il terreno, s: consuteranno ; e
non esalerannp puzzolenti vapori. Vorrei ben
che le Fogne clie anno a ricevere le orine, si col-
locallìno dicosto alle mura, perciocché da gli ar-
dori del Sole, li marcilcono, e li guadano maravì-
gliosamcnte. I Fiumi oltra quello, e le folle da
-acqua e quelle malìimc per le quali anno a paUare
le Navi, Io penso cheli debbano annoverare insra
le spezie delle vie : Conciosiacchè e' pare a molti,
che le Navi sieno spezie di carra ; non essondo alia
fine altro il Ware naturalmente, elle una larga e
spaziosa (bada. Ma di quelle cose, non s'aspctta
parlarne più a lungo in quello luogo. E sé per
avventura egli avverrà che quelle cole non ballino
a' Insogni dogli uomini, lì dovranno allora e con
la mano e con l'arte rimediare i disetti, sé alcu-
ni per avventura, ve ne russino, e aggitignervi
quelle commoditi che vi mancallmo, il modo del-
le quali cole tratteremo poi nel luogo loro.

Book IV.

IS

choak it up. A Drain that is so lie open and
uncover'd to the air, need have no other pave-
ment but the ground iisclf; for the Poets call
the Earth Orients, and the Philolophers, the
ll'ools os the Gods, becaule it devours and con-
sumes every thing. So that whatever filth and
naltinels is brought into it, the earth rots and
dellroys it, and prevents its emitting ill Steams.
Sinks for. the reception of Urine, lhou'd be as
far srom the houle as pollible ; becaule the
heat of the Sun makes it rot and sinell in-
tolerably. Moreover, I cannot help thinking
that Rivers and Canals, especially such as are
for the padage of Ship-:, ought to be included un-
der the denomination of Roads ; lìnee many
are of opinion, that Ships are nothing but a
sort of Carriages, and the Sea itlelf no more
than a huge Road. But there is no necellity
to say any thing more of these in this place.
And if it happens that the conveniences we
have here treated of, are not found sufficienr,
our buliness is to sludy how to mend the
faults, and make whatever other additions are
needful : the method of doing which, we silali
speak of in due time.

Cap. VIII.

Chap. VIII.

Della conveniente mitraglia de Porti, Os the proper striitlnre sor a Ha-
e de" luoghi comi/iodi per le Piazze veti, and of making convenient
nella Città. Squares in the City.

IR (e v.' è parte alcuna della Città, che
lì confacela con le cose che noi dovia-
mo trattare in quello luogo ; Il Porto
veramente sarà quel dedo. Ellendo cer-
tamente il Porto, non altro che quali un termi-
ne de' Cavalli, dal quale o tu ti mova al corso ;
o al quale arrivando, finito il corso, ti fermi e ri-
polì. Altri forsè diranno che il Porto ila la Stal-
la delle Navi : su pure egli come tu ti voglia,
o Termine o Stalla o Ricettacolo ; certamente le
la proprietà di qualunque Porto è di recever dentro
a le le Navi sieure dall'impeto delle tempelle ;
egli è di neceshta eh' e' le difènda : Sianovi fianchi
Eagliardissimi e alti ; e oltra quello, bisogna che vi
lia una larghezza adattata di maniera, che le Navi
possano, e grandi, e cariche, commodillimamente
raccorvilì, e nanamente ripos irvili. Le quali co-
se le ti lì rapprcienteranno dalla opportunità del

luogo,

--.m

O W if there is any other part of the
City that fills in properly with the sub-
jeft of this Book, it is certainly the
Havtn, which may be defined a Goal
or proper place from whence you may begin a
Voyage, or where having performed it you may
put an end to the satigue of it, and take repole.
Others perhaps wou'd lay that a Haven is a Sta-
ble for Ships; but let it be what you will, either
a Goal, a Stable, or a Receptacle, it is certain
that if the buliness of a Haven is to give a recep-
tion to Ships out of the violence of Storms, it
ought to be made in such a manner as to be
a sufficient llielter for that purpoié: Let its
sides be llrong and high, and let there be room
enough for large Vcssels heavy laden to come in
and lie quiet in it. Which conveniences if they
are offered to you by the natural lituation of the
Q_ q place,
loading ...