Alberti, Leon Battista  
Della architettura di Leon Battista Alberti libri 10, della pittura libri 3 e della statua libro 1 / The architecture of Leon Battista Alberti in ten books, of painting in three books and of statuary in one book (uebers. von Cosimo Bartoli und Giacomo Le — London, 1726 [Cicognara Nr. 378]

Seite: 85r
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/alberti1726/0205
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile


Libro V.

vi frequenterà, avrà più tempo, à più licen-
ziosamente vi potri fare qualche sceleratezzal
essendovi pochi Testimonj. Il che non ii può
fare dove sono assai Tettimbnj, e all'ai che ne
pollano da ciò (confortare. All'uno e all'altro
si debbe proveder certamente, che e' non vo-
gliano ell'ere d'isoncili, ma principalmente che e'
non pollano : Per il che ii debbono di modo ser-
rare tutte l'Entrate, che non vi si polla entra-
re, e guardarle di maniera, che non vi si polla
aggirare alcuno attorno per tentare d'entrarvi,
senza manifellidimo iospetto di iua vergogna :
Né debbono elscr tanto fortificati gli alloggia-
menti d'alcuna legione, di st&ccati o di folli,
quanto i Circuiti di coltoro si debbono cerchia-
re d'altisiime mura intere senza porte o fine-
stre o apertura alcuna ; per le quali non solo
gli Espugnatori della Cailità, ma ne pure inci-
tamenti d'occhj o di parole pollano penetrar
dentro ad incitare e a maculare gli animi di
quelle : Abbiano i lumi dal lato di dentro, da
una corte seoperta. Intorno alla Corte si deb-
bono collocare le Loggie, i luoghi da patteg-
giare, le Camere, il Refettorio, il Capitolo : E
quelle cose che vi san di bisogno, in luoghi
commodi, secondo la regola delle case de' Pri-
vati. Né vorrei che vi mancassino spazj per
Orti e Pratelli i quali giovano più a ricreazio-
ne de gli animi che a nutrimento di piaceri.
Le quali cose ettendo cosi fatte ; avverrà che
non senza buon consiglio saranno remote dalla
frequenza de gli Abitatori. I Monasterj dell'una
e dell'altra sorta, sé saranno fuori della Città;
sarà bene : Conciosia che quella ailiduità loro de-
dicata alla Santimonia, e quella ripoiata Reli-
gione dell'animo alla quale si sono interamente
tutti dati, sarà manco moleltata dalla frequen-
za di coloro che gli vanno a visitare. Ma gli
edificj di cottoro, o sieno Donne, o pur' uomi-
ni; vorrei che futtìno polli in luoghi, pili che
si può, saniiììmi ; acciocché i riserrati nel Mo-
nallero, mentre che fedamente attendono all'Ani-
ma, non abbiano i corpi loro per li gran digiuni
e vigilie indeboliti, a vivervi «apprettati da più
infermità. A quelli finalmente che sono fuori
della Città, vorrei che innanzi tratto fulse con-
segnato un Sito fortillimo di l'uà natura, accioc-
ché la forza de' Ladri, o lo seorrente Nemi-
co con poca moltitudine non lo polla ad ogni
sua voglia taccheggiare : e per quello li fortifichi
d'Argine e Mura, e commodamente d'una Torre
che non diseonvenga a un luogo religioso. Ma
i luoghi dove anno a ilare rinchiusi coloro che
anno congiunti con la Religione, gli studj delle

buone

Book V.

85

thejt too much in the City, nor too much cut of
it : for though in a i'olitudc they may not be so
much frequented, yet any one that has a deslgn
may have more opportunity to execute any
villanous enterprizc where there are so few wit-
nellcs, than where there are a great many both
to lhamc and disiwade him from such an attempt.
It is our bulincss in both to take care not that
they have no inclinations to be unchalle, but no
means. For this purpose every entrance mull be
so secured, that nobody can pollibly get in ; and
so well watched, that nobody may loyter about
in order to attempt it without inllant suspicion
and filarne. >k> Camp for an Army lliou'd be
so well guarded by Intrenchments and Palisadoesj
as a Monallery ought to be by high Walls, with-
out either doors or windows in them, or the
lead hole by which not only no violator of Cha-
ility, but no so much as the lead temptation ei-
ther by the eye or car, nlay pollibly get in to
disonier, or pollute the minds of the Recitile'.
Let them receive their light from an open Court
on the inside. ■ Round this Court the Portico,
Cells, Refectory, Chaptcr-house and the like
conveniences lliou'd be disposed, according to
their various uses, in the lame manner as in
private Houses. Nor lliou'd space be wanting
for Gardens and Meadows, sor the moderate re-
creation ef the mind, but not sor adminillring
to pleasure. If all these precautions are taken, it
will be belt to have them out of the way of a
concourse of people. The Cloyllers for both
Sexes therefore cannot be better placed than with-
out the City ; that the attention of their thoughts
which are entirely dedicated to Holiness, and the
calm and settled Religion of their minds, may not
be dillurbed by too many Vilitors. But then I
wou'd have their Houses, whether they are for
men or women, situated in the moll healthy air
that can be found out; that the Recluse, while
they are wholly intent upon the care of their Souls,
may not have their Bodies, already impar'd, by con-
slant fatting and watching, oppressed likewile with
weakness and diiealcs. Thole who are without
the City shou'd be placed in a situation naturally
strong, that neither Robbers nor any plundering
Enemy with a liliali torce, may be able at every
turn to lack it ; and I wou'd have it moreover
fortified with a Trench and a Wall, nor wou'il it
be amils to add a Tower, which is not at all iu-
conslstent witha Religious Edifice. The Monallery
for thole Reclufe who to Religion join the study
of the liberal Arts, that they miy.be the more
ready to promote the good of mankind, accord-
X x ing
loading ...